Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini
2017
4

Boni protect: la soluzione biologica alle malattie da frigoconservazione del melo

Manica propone un fungicida microbiologico che non lascia residui

boni-protect-fonte-manica.png

Il prodotto è in granuli idrodispersibili

Fonte immagine: © Manica

Boni protect di Manica è un fungicida microbiologico in granuli idrodispersibili contro le malattie da conservazione come Gleosporium sp., Monilia sp. e Penicillium sp. del melo.

Boni protect, a base del fungo Aureobasidium pullulans, è l’unico fungicida biologico autorizzato contro queste malattie.
Questo fungo agisce per antagonismo e sottrazione degli elementi nutritivi nei confronti di gleosporium sp., colonizzando le microlesioni presenti sul frutto e agendo da scudo naturale contro l’ingresso dei patogeni.

Boni protect va applicato, a seconda della strategia, 1 o 2 volte a tutta chioma: 20 giorni e 10 giorni prima della raccolta in una strategia bio e 10 giorni prima della raccolta in una strategia integrata; con una dose di 1,5 kg/ha in circa 1500 litri di acqua (0,1%).

Essendo un lievito naturalmente presente nell’ecosistema non dà residuo, non ha giorni di tempo di carenza, non sporca il frutto e può essere fatto tra uno stacco e l’altro.

Boni protect è un agrofarmaco registrato (n. 14950 del 22/05/2012) autorizzato in agricoltura biologica e integrata. Dal 2017 è stato inserito anche nei disciplinari di produzione integrata nazionali.

Per ulteriori dettagli scarica la brochure

In questo articolo

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.