Giornate Fitopatologiche 1984

Sorrento 26-29 marzo 1984

Prove di lotta con Etilfosfito di alluminio contro Phytophthora Cittrophthora degli agrumi

Capitolo “Lotta contro le crittogame” - volume primo - pag. 247-256

Autori: G. Albanese, M. Davino

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Continua con Facebook Accedi con Google

In caso di utilizzo dell'autenticazione Faceboook o Google, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

L'applicazione di etilfosfito di alluminio al terreno (5 g/m2) ha ridotto i marciumi da Phytophtora citrophthora e P. nicotianae var. nicotianae.
Irrorazioni fogliari effettuate alle dsi di 2,5 e 5 g/l hanno bloccato le infezioni favorendo una rapida cicatrizzazione. Buoni risultati sono stati ottenuti anche su semenzali inoculati alle radici. Lo sviluppo del fungo su dischetti di corteccia e di foglie prelevati da semenzali irrorati alla chioma (5 g/l) è stato ridotto rispettivamente del 52 e 47%. Su dischetti di corteccia prelevati da piante pennellate al tronco (100 g/l) 28 giorni prima è stata ottenuta una riduzione di crescita del fungo del 100% sulla faccia esterna e del 47% sulla faccia cambiale.

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.