2019
11

Fitosanitari sicuri

Il ministero della Salute ha pubblicato i risultati dei controlli su produzione, commercio e impiego dei prodotti fitosanitari nel 2017. In generale le infrazioni rilevate non hanno mai superato il 5% del totale

agrofarmaci-fitosanitari-distribuzione-by-federico-rostagno-fotolia-750.jpeg

Il numero totale dei controlli effettuati è stato 3464

Fonte immagine: © Federico Rostagno - Fotolia

Non è sufficiente pubblicare un provvedimento tra i più restrittivi d’europa (DL 69/2014) se poi non viene fatto rispettare.

Nel 2017 regioni e province autonome di Trento e Bolzano, il Comando Carabinieri per la tutela della salute e l’Ispettorato centrale per la tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari hanno controllato la regolarità dei prodotti fitosanitari presso rivendite, aziende agricole, produttori e titolari di autorizzazioni di tutto il territorio nazionale. Le verifiche hanno riguardato etichette, schede di sicurezza, confezioni e composizione degli agrofarmaci.
Le infrazioni più diffuse sono state: strutture inadeguate, prodotti non autorizzati (!), mancata compilazione dei registri. Sono stati effettuati controlli anche sulla formazione, verificando la dotazione del certificato di abilitazione alla vendita e all’acquisto.

In generale le infrazioni rilevate non hanno mai superato il 5% del totale, ad eccezione delle officine di produzione (29% di controlli hanno evidenziato irregolarità). Anche i controlli sulla qualità dei prodotti fitosanitari in commercio hanno evidenziato un 99.3% di conformità per il titolo in sostanza attiva e 97% per le impurezze (su di un campione non gigantesco di 286 prodotti analizzati).
La percentuale di prodotti non più autorizzati (il caso più frequente è lo sforamento del periodo di smaltimento scorte) è stata del 3,4% presso i rivenditori e dell’1,2% presso i titolari di autorizzazione. Infine il controllo delle etichette ha evidenziato un 1,4% di irregolarità.

Il numero totale dei controlli effettuati è stato 3464, quasi tutti su grossisti e rivenditori, 44 su produttori e formulatori, 1 confezionatore/rietichettatore e 77 per i titolari di registrazione. I patentini controllati sono stati poche centinaia, una goccia nel mare dei 339361 titolari di autorizzazione all’acquisto, 10228 titolari di certificati di abilitazione alla vendita e 5325 consulenti (dati 2015). Come già anticipato, sono gli utilizzatori professionali i meno controllati (0.76%) i quali tuttavia sono risultati meno conformi della media (10,8% di irregolarità). Anche il quaderno di campagna è poco compreso dagli utilizzatori: 8,1% di irregolarità nelle registrazioni. E' stata evidenziata anche una tendenza alla riduzione delle infrazioni nel tempo, fatto che fa ben sperare per il futuro.
 

Approfondimenti per studiosi, addetti ai lavori o semplicemente curiosi

  • Controllo ufficiale dell’immissione in commercio e dell’utilizzazione dei prodotti fitosanitari - risultati in Italia 2017
  • Decreto legislativo 17 aprile 2014, n. 69 Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni del regolamento (CE) n. 1107/2009 relativo all’immissione sul mercato dei prodotti fitosanitari e che abroga le direttive 79/117/CEE e 91/414/CEE, nonché del regolamento (CE) n. 547/2011 che attua il regolamento (CE) n. 1107/2009 per quanto concerne le prescrizioni in materia di etichettatura dei prodotti fitosanitari.

In questo articolo

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.