2021
2

Uva da tavola, la difesa sostenibile targata BIOGARD®

L'azienda ha organizzato un webinar specifico dove sono state esaminate le proposte per una difesa della coltura

vite-vigneto-viticoltura-by-riebevonsehl-adobe-stock-750x497.jpeg

BIOGARD®, difesa sostenibile dell'uva da tavola (Foto di archivio)

Fonte immagine: © riebevonsehl - Adobe Stock

La coltivazione dell’uva da tavola è certamente tra le più importanti realtà produttive dell’agricoltura italiana.
BIOGARD® ha organizzato un webinar specifico dove sono state esaminate le proposte per una difesa sostenibile di fronte ad oltre 200 partecipanti tra tecnici e produttori.

"BIOGARD® si impegna a mettere le proprie competenze e la propria esperienza al servizio dei produttori –ha specificato Vincenzo Cavicchi, marketing BIOGARD®affinchè questi possano contare un un’ampia gamma di soluzioni a basso impatto ambientale".

L’attenzione dei partecipanti si focalizza subito sul controllo della tignoletta della vite (Lobesia botrana) insetto chiave dell’uva da tavola attraverso il metodo della confusione sessuale. I prodotti proposti da BIOGARD® sono il collaudato Isonett L TT® e la novità BIOOTwin® L a base di polimeri biodegradabili di origine naturale, frutto della collaborazione con Shin Etsu Chemical Co Ltd.

"I diffusori Shin Etsu – specifica Francesco Savino, area tecnica BIOGRAD®sfruttano la capillarità per mantenere costante la bagnatura delle pareti del diffusore, così da garantire un rilascio graduale e costante del feromone dal momento dell’applicazione fino al suo esaurimento. Il design Twin-tube (Tt), tecnologicamente avanzato, permette un rilascio ottimale e un’applicazione più semplice ed efficace".

Di fondamentale importanza è poi il momento di applicazione. I diffusori vanno distribuiti in campo qualche giorno prima dell’inizio del volo degli adulti della generazione svernante.

L’attenzione è poi passata alla difesa da botrite e marciume acido con l’impiego di Amylo-X® contenente il batterio Bacillus amyloliquefaciens subsp plantarum ceppo D747.

Amylo-X

"Il prodotto – ha precisato Edith Ladurner, area tecnica BIOGARD®agisce a tre livelli: competizione per lo spazio e le fonti nutritive, produzione di lipopeptidi in grado di inibire la crescita dei patogeni e come induttore di resistenza".
L’applicazione è fogliare secondo in diverse fasi che vanno dalla fioritura fino alla raccolta.

L’intervento di Massimo Benuzzi, area tecnica di BIOGARD®, ha riguardato l’impiego di Naturalis® (insetticida/acaricida a base del fungo anatagonista Beauveria bassiana ceppo ATCC 74040) per la difesa dai tripidi.
"Il fungo, una volta giunto a contatto con il fitofago, invade il corpo dell’insetto e ne determina la morte nell’arco di qualche giorno per esaurimento dei nutrienti e disidratazione. È preferibile applicare Naturalis® nelle prime ore del giorno o verso il crepuscolo, quando i fitofagi sono meno mobili".
Naturalis® può essere utilizzato in strategia da solo o in combinazione con trattamenti abbattenti.

Naturalis

Benuzzi ha poi fissato l’attenzione sul controllo dell’oidio della vite con l’impiego di AQ 10® WG, fungicida antioidico a base Ampelomyces quisqualis isolato M10.
"Le proposte applicative sono per la fase da germogliamento ad inizio fioritura, da chiusura grappolo ad invaiatura e in prossimità o durante la raccolta, così da sfruttare la sua azione nei confronti delle forme svernanti".

In conclusione, Vincenzo Cavicchi ha passato in rassegna l’intera linea BIOGARD® per una difesa sostenibile dell’uva da tavola.

In questo articolo

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2021)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.