2020
7

Residui: buone news anche per il cibo americano

Rilasciato il report 2019 del Pesticide data program. Il 99% dei campioni è risultato nei limiti fissati dalla Environmental protection agency, confermando la sicurezza dei prodotti agricoli

ortofrutta-verdura-ortaggi-by-photosg-fotolia-750x451.jpeg

Anche il cibo americano risulta in regola con i limiti di Legge

Fonte immagine: © PhotoSG - Fotolia

L'Italia è il Paese al mondo con la più alta percentuale di residui regolari, divenendo leader in Europa in tal senso. Non a caso anche Efsa condivide periodicamente dati tranquillizzanti sulla presenza di residui negli alimenti. Pare però che anche Oltreoceano le cose stiano decisamente volgendo al bello.

A dicembre 2019 è stato rilasciato il report relativo all'anno 2018 concernente i residui sui cibi americani. Diffuso dall'Usda, il dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti, il Pesticide data program comunica infatti che il 99% dei campioni testati presentava residui di agrofarmaci inferiori ai limiti di riferimento. Questi sono stabiliti dall'Epa, acronimo di Agenzia per la protezione ambientale, e vanno quindi considerati sicuri per la salute umana.

Analogamente a quanto avviene in Europa e in Italia, anche negli Stati Uniti il monitoraggio dei residui sugli alimenti rappresenta un investimento importante dell'amministrazione statunitense. Usda ed Epa collaborano identificando dapprima gli alimenti che devono essere testati, con particolare attenzione agli alimenti destinati a neonati e bambini.

Anche nell'ultimo report della serie, ormai venticinquennale, i risultati sono stati coerenti con quelli degli anni precedenti, mostrando un altissimo livello di conformità dei prodotti agricoli nei confronti della normativa vigente in America. Il 47,8% dei campioni non presentava residui rilevabili, un dato che pur risultando inferiore a quello italiano, che si pone poco al di sopra del 60%, dimostra l'eccellente livello di sicurezza anche per il cibo d'Oltreoceano.

Purtroppo, anche negli States tali dati non pare confortino l'opinione pubblica, da anni bersagliata come in Europa e in Italia con millantati rischi derivanti dalla presenza di agrofarmaci sull'ortofrutta. Un allarmismo cui va peraltro attribuita parte delle responsabilità di un'alimentazione sbagliata: negli Usa solo un americano su dieci consuma giornalmente abbastanza frutta e verdura, in parte proprio per la paura che su quegli alimenti vi siano pericolosissimi veleni. Quando in realtà l'unico veleno che causa danni in modo certo è la disinformazione.

In questo articolo

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2020)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.