Giornate Fitopatologiche 1975

Confronto di attività  fra prodotti e loro azione residua nel diserbo dello spinacio

Capitolo “Erbicidi” - volume unico - pag. 965-969

Autori: A. Cesari, G. Rapparini

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Accedi con Google

In caso di utilizzo del social login, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

Si riferiscono i risultati ottenuti in tre prove di diserbo chimico dello spinacio a semina autunnale e primaverile effettuate in ambienti pedoclimatici diversi della pianura padana.
In autunno lattività  erbicida pi๠completa è stata svolta dal Lenacil, Norea e dalle miscele Pyrazon + Dimexano + Chlorbufam + Cycluron e da Benzthiazuron + Propham; in primavera Norea + Propham, Norea, Lenacil o Lenacil + Benzthiazuron hanno esercitato il miglior contenimento delle infestanti. Fra i prodotti saggiati solo il Lenacil distribuito in pre-emergenza, il Cycloate e il Cycloate + Lenacil interrati in pre-semina sono stati fitotossici per la coltura. I prodotti che persistono pi๠a lungo del ciclo vegetativo dello spinacio sono stati il Lenacil, Benzthiazuron e Norea nelle diverse combinazioni di trattamento.

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.