Giornate Fitopatologiche 1975

Confronto fra prodotti diserbanti sul pisello da industria

Capitolo “Erbicidi” - volume unico - pag. 987-993

Autori: V.V. Bianco, V. Magnifico

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Continua con Facebook Accedi con Google

In caso di utilizzo dell'autenticazione Faceboook o Google, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

Sono state effettuate 4 prove per valutare l'efficacia di circa 30 principi attivi somministrati da solo od in miscela ed in epoche diverse. Le malerbe maggiormente presenti sono state: Polygonum aviclare L., Papaver rhoeas L., Chenopodium album L., Lolium temulentum L. e Avena spp. I migliori risultati sono stati ottenuti con l'impiego di trifluralin, nitrofen, prometryne, nitrofen + neburon e cycluron + chlorbufam.
Gli erbicidi usati in post-emergenza si sono dimostrati inefficaci.

Note

Ricerca eseguita al Centro di Studio sull'Orticoltura industriale del C.N.R., presso l'Istituto di Agronomia e Coltivazioni erbacee dell'Università  di Bari. Direttore: prof. Vittorio Marzi.
Biaco e Magnifico: rispettivamente Professore straordinario di Orticoltura e Ricercatore del C.N.R.

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.