Giornate Fitopatologiche 1975

Metodologia spettroscopica all'infrarosso per l'identificazione di fitofarmaci

Capitolo “Aspetti indesiderabili dei fitofarmaci - Residui tossici e metodi di analisi” - volume unico - pag. 101-106

Autori: V. Brandolini, R. Stanzani

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Continua con Facebook Accedi con Google

In caso di utilizzo dell'autenticazione Faceboook o Google, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

Viene proposta una metodologia che si basa sulla possibilità  offerta dalla cromatografia su strato sottile con rivelazione colinesterasica di separare e rendere evidenti diversi principi attivi inseticidi per identificarli successivamente in spettrofotometria infrarosso. Per gli esteri tiofosforici, scarsamente inibitori della colinesterasi "in vitro", viene descritto un nuovo metodo d'ossidazione e che confrontato con un metodo standard, tutt'ora utilizzato nell'analisi dei residui, si dimostra ugualmente valido ed in alcuni casi leggermente superiore, ciò in funzione della diversa temperatura di lavoro. Con l'applicazione di tali metodologie sono stati differenziati in C.S.S. ed identificati all'I.R. come derivati ossidati, azinphos-metil, diazinone, dursban, fenclorfos, fenitrothion, fenthion, fonofos, forate, foxim, metil-parathion, ometoato e parathion.

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.