Giornate Fitopatologiche 1978

Catania - Acireale 8-10 marzo 1978

Accumulo e persistenza de Benomyl e del Metil-tiofanate in organi vegetativi e frutti di piante di limone trattate alla chioma.

Capitolo “Aspetti indesiderabili dei fitofarmaci” - volume primo - pag. 51-58

Autori: G. Cutuli, O. Li Destri Nicosia, M. Salerno, V. Somma

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi con Google


Sei un nuovo visitatore?

Registrati gratis

Nel corso di prove di lotta effettuate contro il mal secco degli agrumi nelle principali aree limonicole della Sicilia, sono stati saggiati l'accumulo e la persistenza del Benomyl e del Metil-Tiofanat negli organi vegetativi e nei frutti di piante trattate alla chioma.
Entrambi i fungicidi hanno mostrato un accumulo progressivo, che ha raggiunto il massimo dopo l'ultimo trattamento, ed una notevole persistenza, specialmente nelle foglie. L'accumulo è stato, invece, molto modesto nella corteccia e, soprattutto, nel cilindro legnoso dove, oltretutto è risultato limitato agli strati più esterni, non consentendo così alcuna azione protettiva in caso di grandinate o di altri venti che causano profonde lesioni.
I residui dei frutti, anche dopo 5 trattamenti, sono risultati inferiori a quelli consentiti dalla legge in alcuni paesi europei.

In questa relazione

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2020)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.