Giornate Fitopatologiche 1978

Catania - Acireale 8-10 marzo 1978

Mezzi e metodi di lotta contro le malerbe della risaia.

Capitolo “Erbicidi” - volume terzo - pag. 187-194

Autori: C.A. Lasagna, E. Spagni

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi con Google


Sei un nuovo visitatore?

Registrati gratis

Con un vasto programma sperimentale diretto a risolvere i problemi della lotta contro le erbe infestanti delle risaie, nel triennio 1975-1977, oltre a perfezionare la metodologia d'impiego del Drepamo per il controllo dei giavoni, si sono collaudati 2 nuovi prodotti denominati Puliris, per la lotta contro Alismatacee e Ciperacee e Disval, per il diserbo degli argini di risaia.
- Il Drepamon ha confermato la sua elevata attività  e selettività  sia nella formulazione liquida sia in quella granulare e, per le semine medio-tardive, si è dimostrata particolarmente indicata la metodologia di applicazione mediante concia del seme di riso.
- Il Puliris è risultato pienamente efficace su Alismatacee e Ciperacee e selettivo nei riguardi delle principali varietà  di riso dimostrandosi significativamente non inferiore al Basagran di confronto.
- Il Disval ha evidenziato un'attività  erbicida ed una persistenza molto elevata su tutte le principali infestanti degli argini di risaia consentendo un loro diserbo praticamente totale per circa 4 mesi.

In questa relazione

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2020)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.