Giornate Fitopatologiche 1990

Pisa 23-27 aprile 1990

Differente localizzazione del gene ina+ in isolati di Pseudomonas Syringae e P.Flurescens.)

Capitolo “Lotta contro funghi e batteri” - volume secondo - pag. 369-378

Autori: A. Catara, R. La Rosa, A. Mannarano, M. Renis

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Accedi con Google

In caso di utilizzo del social login, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

Il DNA genomico di diversi isolati criogeni e non criogeni di Pseudomonas syringae e P. fluorescens è stato studiato mediante digestione con enzimi di restrizione a rara frequenza di taglio e successva separazione dei frammenti con elettroforesi pulsata. Tale tecnica ha consentito una soddisfacente separazione di frammenti di DNA compresi tra 25 e 1000 kb. I patterns sono stati sottoposti a Southern blot e quindi analizzati per ibridazione con un oligonucleotide sintetico complementare alla sequenza ripetuta presente gene INA+. L'analisi dei southerns ha rivelato la differente localizzazione del gene INA+ negli isolati considerati. Tanto in P. syringae quanto in P. fluorescens i segnali di ibridazione sono risultati, infatti, presenti su frammenti di DNA a diverso peso molecolare.

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.