Giornate Fitopatologiche 1992

Copanello (CZ) 21-24 aprile

Metodo multiresiduo per la determinazione gascromatografica dei fitofarmaci nelle API.

Capitolo “Distribuzione dei Fitofarmaci ” - volume terzo - pag. 443-450

Autori: D. Businelli, G. Gigliotti , P.L. Giusquiani

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi con Google


Sei un nuovo visitatore?

Registrati gratis

L'ape, grazie al suo lavoro di bottinamento che la porta a compiere spostamenti anche nell'ordine di qualche chilometro intorno all'alveare, può essere favorevolmente impiegata come indicatore biologco di inquinamento da fitofarmaci.
Per raggiungere tale scopo è necessario disporre di un metodo che permetta di effettuare simultaneamente la determinazione di più fitofarmaci, che sia dotato di sufficiente sensibilità  e sia facile e di rapida esecuzione.
Il metodo descritto, messo a punto in via preliminare per dodici dei fitofarmaci pi๠usati in Umbria, prevede l'estrazione con acetone dalle api, la purificazione in cartuccia LC 18 e la determinazione in gascromatografia capillare. Il metodo, per i fitofarmaci presi in considerazione, consente di valutare concentrazioni fino a 50 ppb per l'atrazina, il metobromuron, il pirimicarb e la prometrina, fino a 10 ppb per l'alachlor ed il parathion e fino a 5 ppb per il chlorpyrifos, il dimetoato, il malathion, il 2,4 D, il folpet e l'eptenophos.

In questa relazione

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2021)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.