Giornate Fitopatologiche 1992

Copanello (CZ) 21-24 aprile

Solarizzazione del terreno per il contenimento del deperimento progressivo con necrosi radicale della fragola: ulteriori acquisizioni.

Capitolo “Funghi e batteri ” - volume secondo - pag. 315-322

Autori: W. Cortellini , A. De Leonardis , F. Faccini, C. Mallegni, E. Triolo, G. Vannacci

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Continua con Facebook Accedi con Google

In caso di utilizzo dell'autenticazione Faceboook o Google, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

Esperienze di solarizzazione del terreno sono state ripetute nel biennio 1989-1990 per verificare le effettive possibilità  di contenimento del "deperimento progressivo con necrosi radicale" (DPNR) dela Fragola. Gli interventi sono stati effettuati in pieno campo in una zona al limite dell'area geografica ritenuta utile per l'applicazione di questo intervento (44° di latitudine). Nel 1989 la solarizzazione ha avuto una durata di 39 giorni durante la quale si sono stati registrati 21 giorni con cielo sereno e 21662 minuti di insolazione. Le coperture con film di polietilene (PE) o di polivinil-cloruro (PVC) dello spessore di 150 μm hanno determinato un'efficacia parziale (43% e 54% di piante sane), con il 17% di piante sane sul testimone. La produzione nel testimone è stata di 141 g per pianta e sulle tesi solarizzate sono stati registrati incrementi di produzione del 38% e 68% rispettivamente. In base a questi risultati il trattamento è stato considerato scarsamente efficace. L'anno successivo il periodo di trattamento è stato prolungato a 59 giorni durante i quali sono stati registrati 38355 minuti di insolazione. La solarizzazione con film di polietilene ha mostrato buona efficacia (88% di piante sane, 9,5% di piante morte ed una produzione di 380 g per pianta). La solarizzazione seguita da un trattamento al terreno con la miscela fungicida procymidone+thiram (12.3+49%) utilizzata alla dose di 2,5 o di 10 lg p.f. ha-1 ha permesso un contenimento totale della fitopatia e produzioni di 370 e 416 g per pianta rispettivamente. Il fungicida utilizzato su terreno non solarizzato è risultato meno efficace e per la dose di 10 kg p.f. ha -1 si è registrato il 71% di piante sane, il 17% di piante morte ed una produzione di 245 g per pianta. Sul testimone sane erano il 51%, quelle morte il 46% ed è stata rilevata una produzione di 132 g per pianta. Gli esami microbiologici effettuati su piante deperenti hanno escluso la presenza di nematodi fitoparassiti ed hanno permesso di individuare la presenza prevalente di Rhizoctonia fragariae e Fusarium sp.

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.