Giornate Fitopatologiche 1994

Montevisiano Lido (PE) 9-12 maggio 1994

Una nuova malattia dell'arachis hypogaea L. in Grecia: Oidium Arachidis Chorin

Capitolo “Funghi e batteri ” - volume terzo - pag. 241-244

Autori: V.A Bourbos , M.T. Skoudridakis

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Accedi con Google

In caso di utilizzo del social login, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

In una coltivazione irrigata di Arachis hypogaea è apparso per la prima volta in Grecia il fungo Oidium arachidis. Il patogeno attacca le foglie ed i piccioli fogliari. Sulla pagina superiore delle fglie si osserva una efflorescenza biancastra costituita dalle fruttificazioni del fungo. La superficie colpita presenta all'inizio delle chiazze giallastre che diventano con lo sviluppo della malattia di color bruno. La cultivar locale del tipo Valencia ne è praticamente immune. Una grande suscettibilità  al patogeno presentano le cv GO 55-437, F11 e 57-422, mentre le cv. 7330, 7333 GO e GC -8-35 ne sono meno suscettibili. I trattamenti ai primi sintomi della malattia con i fungicidi myclobutanil, penconazole, pyrifenox e triadimefon hanno posto sotto controllo con successo la malattia.

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.