Giornate Fitopatologiche 2000

Perugia 16-20 aprile 2000

Verifica della selettività  di erbicidi nel diserbo di alcune piante aromatiche: rucola (Eruca Sativa e Diplotaxis Tenuifollia) e basilico (ocimum basilicum)

Capitolo “Piante infestanti” - volume secondo - pag. 511-516

Autori: G. Campagna, G. Rapparini, G. Tallevi

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi con Google


Sei un nuovo visitatore?

Registrati gratis

Si riportano i risultati ottenuti in prove di pre e post-emergenza, eseguita in pieno campo sulla coltura di rucola a foglia larga (Eruca sativa) e stretta (Diplotaxis tenuifolia) e di basilico (Ocimu basilicum). Per queste specie aromatiche coltivate su piccole superfici non si dispone in Italia di prodotti registrati, pertanto gli orticoltori incontrano notevoli difficoltà  avendo a disposizione solo le scerbature. In questo contributo è stato valutato il grado di efficacia di alcuni erbicidi ad azione residuale e in particolare il grado di selettività  nei confronti di queste sensibili colture. Sono stati ottenuti buoni risultati in pre-emergenza con trifluralin, propaclor e napropamide per le rucole e con metobromuron per il basilico.
Parole chiave: Eruca sativa, Diplotaxis tenuifolia, Ocimum basilicum, selettività  colturale, residui.

In questa relazione

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2021)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.