Giornate Fitopatologiche 2002

Baselga di Pinè (TN) 7-11 aprile 2002

Mobilità  del diserbante Primisulfuron su terreni disturbati. Parte I: studio di laboratorio su colonna.

Capitolo “Prodotti fitosanitari negli alimenti e nell'ambiente” - volume primo - pag. 145-150

Autori: M. Banorri, A. Cesari, P. Flori, G. Malucelli

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi con Google


Sei un nuovo visitatore?

Registrati gratis

Lo studio ha riguardato la determinazione della mobilità  nel terreno dell'erbicida sulfonilureico primisulfuron (CGA 136872), studiata in laboratorio attraverso prove di "leaching" su colonna. La metdologia si rifà  ai criteri di studio internazionalmente adottati per la valutazione della mobilità  dei fitofarmaci ed aveva lo scopo di determinare la "mobilità  potenziale" del principio attivo attraverso l'analisi dell'acqua di percolazione raccolta a vari livelli di profondità , anzichà© attraverso l'analisi dei differenti strati del terreno. La metodologia adottata ha offerto il vantaggio di fornire indicazioni dirette sulle concentrazioni che il fitofarmaco raggiunge nella fase liquida del suolo ed è risultata complementare alle indicazioni di mobilità  rilevate in condizioni di campo attraverso l'analisi di terreni provenienti da prove di diserbo del mais.
Parole chiave: primisulfuron, mobilità , terreno, colonna.

In questa relazione

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2020)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.