Giornate Fitopatologiche 2008

Cervia (RA) - 12-14 marzo 2008

Lotta contro l'oidio della rosa: prove recenti

Capitolo “Funghi, batteri, fitoplasmi, virus” - volume secondo - pag. 493-496

Autori: P. Curir, L. Gaggero, C. Pasini, M. Sacco

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi con Google


Sei un nuovo visitatore?

Registrati gratis

Si riferiscono i risultati di due prove condotte su rose in vaso (cv Nuvola e Meillandina), nelle quali è stata verificata l'attività  contro l'oidio (Podosphaera pannosa var. rosae) di alcuni prodoti non ancora registrati sulla coltura. I fungicidi, impiegati con cadenza settimanale, sono stati i seguenti: boscalid (Cantus), boscalid + pyraclostrobin (Signum), metrafenone (Vivando), spiroxamine (Prosper 300 CS), un prodotto a base di polisaccaridi naturali (Agricolle) e, come standard, dodemorph (Basf-Mehltaumittel). Spiroxamine, alla dose di 15,4 ml/hl, ha fornito i migliori risultati. Tutti gli altri prodotti esaminati hanno contenuto gli attacchi del patogeno in modo soddisfacente, tuttavia i trattamenti con boscalid, boscalid + pyraclostrobin e metrafenone hanno causato la comparsa di leggere macchie di deposito sulle foglie.
Parole chiave: mal bianco rosa, Podosphaera pannosa, difesa, fungicidi, polisaccaridi naturali

In questa relazione

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2022)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.