Limacce Limax spp. - Arion spp. - Deroceras spp.

Classificazione: Altri organismi nocivi > Gasteropodi

Molluschi gasteropodi che possono arrecare gravi danni alle coltivazioni. Le limacce si distinguono dalle chiocciole per l'assenza della conchiglia, che di fatto è presente ma notevolmente ridotta e nascosta sotto un mantello carnoso.  Della loro attività trofica fanno le spese numerose spcie vegetali. Un singolo individuo è in grado di consumare giornalmente una quantità di cibo pari al 50% del proprio peso corporeo. I molluschi, nutrendosi delle parti erbacee delle piante, possono attaccare indistintamente colture arboree, erbacee, orticole, ornamentali e floreali.

Biologia

Le limacce si sviluppano durante i periodi stagionali con molte piogge e bagnature e rimangono attive durante tutto l’anno riparandosi solo durante i mesi più rigidi sotto pietre e altri nascondigli.

Le limacce, dopo essersi accoppiate depongono, le uova entro buche scavate nel terreno, il numero di uova deposte è elevato. Dopo 2-4 settimane vi è la schiusura delle uova e gli adulti compaiono dopo 2-3 mesi. Possono compiere fino 2-3 generazioni all’anno. 

Danni causati

Le limacce si nutrono di organi verdi e succulenti divorando foglie, coste fogliari, capolini, plantule, bacche e frutti, in alcuni casi possono divorare anche tuberi e bulbi. Le erosioni sono vie di penetrazione per i patogeni con conseguente sviluppo di malattie (ad esempio sviluppo di marciumi batterici). 

Interventi agronomici

Incorporare accuratamente i residui colturali subito dopo la raccolta. Prestare particolare cura alla preparazione del terreno, affinando scrupolosamente il letto di semina. La raccolta manuale dei molluschi, se condotta ad intervalli regolari, rappresenta un metodo efficace per contenere la popolazione dei gasteropodi.

Cerca una soluzione per Limacce


Ultimi prodotti utilizzabili per Limacce

indipendentemente dalla coltura

Agrofarmaci

Cerca altri agrofarmaci

Relazioni delle Giornate Fitopatologiche su Limacce

SLUXX® E DERREX®, DUE NUOVE FORMULAZIONI DI ESCHE LUMACHICIDEA BASE DI FOSFATO FERRICO: RISULTATI SPERIMENTALI

2012 - Difesa da insetti, acari, nematodi, molluschi - volume primo

In tre prove di semicampo condotte in diversi paesi sud europei (Francia, Spagna e Italia) nel 2006 e nel 2010 su cavolo cappuccio e lattuga è stata valutata l’azione di due nuovi formulati a base di fosfato ferrico 3% (Sluxx® e ...

Prove di lotta contro la "limaccia rossa" (Arion lusitanicus)

1980 - Nematocidi, Limacidi - volume primo

Si riferisce su ulteriori prove contro Arion lusitanicus Mabille (Gastropoda, Arionidae), che hanno evidenziato in particolare l'efficacia del Solfato di ferro, della Calciocianamide e della Calce idrta. Si descrivono le tecniche di impiego ...

Prove preliminari di lotta contro Arionidi (gastropoda) in Piemonte.

1978 - Nematocidi, Limacidi - volume primo

Si riferiscono i risultati di prove di lotta condotte in Piemonte nell'autunno del 1977 contro Arionidi con l'impiego di diversi formulati. I migliori risultati sono stati conseguiti con Solfato ferro e Methiocarb; efficacia inferiore hanno ...

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2022)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.