Cancro batterico dell'Actinidia Pseudomonas syringeae var. actinidiae

Classificazione: Batteri > Batteriosi

 Il cancro causato da Pseudomonas syringae var. actinidiae (PSA), per la sua virulenza rappresenta la più pericolosa delle batteriosi dell’actinidia. Segnalato per la prima volta in Italia nel 1992, già negli anni Ottanta del secolo scorso ha causato gravissimi danni in Giappone e in Corea, divenendo un fattore limitante della coltura. Una volta introdotta in un territorio, la malattia si diffonde in maniera molto veloce.

Biologia

 Pseudomonas syringae var. actinidiae è un batterio attivo con temperature tra i 10 e i 20°C (oltre i 25°C blocca la propria attività). Le infezioni avvengono in primavera-inizio estate e in autunno-inverno.

 

Il batterio entra nella pianta attraverso stomi, punti di rottura dei peli, lenticelle, ferite naturali (formatesi a seguito di caduta delle foglie, raccolta dei frutti, rottura gemme, ecc.), tagli di potatura verde e invernale, grandinate, gelate, ecc.

La colonizzazione dei tessuti vascolari da parte del batterio risulta essere particolarmente pericolosa in quanto non sempre associabile a sintomi visibili. Tale tipologia di infezione può determinare la necrotizzazione con conseguente disseccamento delle parti aeree, consentendo in ogni caso la sopravvivenza del batterio all'interno dei tessuti vegetali e conseguentemente la sua diffusione.

Il patogeno compie le infezioni primarie (esterne) per via fogliare, agevolato da brina, vento e piogge, penetrando attraverso stomi e ferite. Le infezioni secondarie, interne ai tessuti della pianta, avvengono in inverno-inizio primavera, quando il batterio migra infettando la pianta per via xilematice e floematica.

Danni causati

 Le infezioni primaverili-estive si manifestano principalmente sotto forma di maculature delimitate tra le nervature fogliari, avvizzimenti a carico di germogli, necrosi di bottoni fiorali e fiori, disseccamento dei tralci e comparsa di cancri.

Le infezioni autunno-invernali si manifestano con la comparsa di punteggiature rossastre sottocorticali su cordoni e tronchi, che portano al disseccamento degli stessi. A questi si accompagna la formazione di cancri, rilevabili poco prima o in concomitanza della ripresa vegetativa e la presenza di essudato che fuoriesce dal punto di distacco delle foglie.

Interventi agronomici

 Curare la disinfezione delle attrezzature utilizzate nelle operazioni di potatura negli impianti colpiti (è consigliato l'impiego di sali di ammonio quaternario). Eseguire le operazioni di potatura prima dell'inizio del cosiddetto 'pianto' ed in condizioni asciutte. Potare prima gli impianti colpiti eliminando i residui, asportando e bruciando il materiale di risulta. Coprire i tagli effettuati con mastici cicatrizzanti. Curare la concimazione apportando adeguati quantitativi di azoto fosforo e potassio, frazionando gli apporti ed evitando eccessi di azoto. Impiegare solo polline batterio-esente (munito di apposita certificazione) ed eseguire potatura verde e diradamento in periodi asciutti.

Cerca una soluzione per Cancro batterico dell'Actinidia


Ultimi prodotti utilizzabili per Cancro batterico dell'Actinidia

indipendentemente dalla coltura

Agrofarmaci

Cerca altri agrofarmaci

Relazioni delle Giornate Fitopatologiche su Cancro batterico dell'Actinidia

EFFICACIA DI LMA 80% SP (SOLFATO DODECAIDRATO DI ALLUMINIO E POTASSIO) NEI CONFRONTI DI PSEUDOMONAS SYRINGAE PV. ACTINIDIAE IN EMILIA-ROMAGNA

2018 - Difesa dalle malattie - volume secondo

Nel 2016 e 2017 sei prove efficacia sono state realizzate in pieno campo in Emilia-Romagna al fine di saggiare l'attività di LMA 80% SP (solfato dodecaidrato di alluminio e potassio all'80%) per contenere i sintomi di Pseudomonas ...

VALUTAZIONE DELL'EFFICACIA DI ACIBENZOLAR-S-METHYL IN APPLICAZIONI PRIMAVERILI E AUTUNNALI NEI CONFRONTI DI PSEUDOMONAS SYRINGAE PV. ACTINIDIAE AGENTE DEL CANCRO BATTERICO DEL KIWI

2018 - Difesa dalle malattie - volume secondo

Vengono presentati i risultati di due prove di campo effettuate per valutare l'efficacia di acibenzolar-S-methyl (Bion®) applicato in primavera e in autunno, in post-raccolta, contro il cancro batterico del kiwi. Le prove sono state ...

VALUTAZIONE IN VITRO DELL'ATTIVITÀ ANTIBATTERICA DI ESTRATTI VEGETALI NEI CONFRONTI DI PSEUDOMONAS SYRINGAE PV. ACTINIDIAE, AGENTE CAUSALE DEL CANCRO BATTERICO DEL KIWI

2018 - Difesa dalle malattie - volume secondo

Nel presente lavoro è stata valutata la minima concentrazione inibente la crescita batterica (MIC) e la minima concentrazione battericida (MBC) di estratti ottenuti da diverse matrici vegetali nei confronti di Pseudomonas syringae pv. ...

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2020)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.