Antracnosi della Vite Elsinoe ampelina - Sphaceloma ampelinum

Classificazione: Funghi > Antracnosi

Il patogeno fungino ascomicete E. ampelina, la cui forma conidica è rappresentata da Sphaceloma ampelina, risulta essere la malattia crittogamica più pericolosa per le piante madri di portinnesti causando la perdita dei tralci, i quali non sono più idonei alla riproduzione vegetativa. 

Biologia

Il fungo passa l’inverno grazie agli sclerozi prodotti l’anno prima, rilasciando una grande quantità di conidi che vengono diffusi dagli schizzi d’acqua. La malattia compare già dalle prime fasi del germogliamento ed è favorita da piogge abbondanti, prolungata bagnatura della vegetazione e umidità relativa elevata. 

Danni causati

La malattia colpisce foglie, acini e tralci, dove causa gravi danni; sui tralci erbacei provoca delle tacche depresse rotondeggianti dal colore bruno-violaceo. Attacchi precoci rallentano lo sviluppo rendendo i giovani tralci inadatti alla moltiplicazione vegetativa. Sulle foglie si generano tacche rotondeggianti di 1-5 mm di diametro, solitamente ai lati delle nervature. Sugli acini provoca delle lesioni circondate da un alone violaceo che al centro virano al marroncino-beige. 

Interventi agronomici

E' raccomandato l'impiego di vitigni resistenti. 

Cerca una soluzione per Antracnosi della Vite


Ultimi prodotti utilizzabili per Antracnosi della Vite

indipendentemente dalla coltura

Agrofarmaci

Cerca altri agrofarmaci

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.