Fusariosi del culmo (Fusarium graminearum) Fusarium graminearum

Classificazione: Funghi > Fusariosi

Clima asciutto nella prima parte del ciclo vegetativo e andamento termico caldo (28-30°C) con parentesi umide 2-3 settimane prima della fioritura, favoriscono l'insorgenza di F. graminearum. Eccessi di azoto e carenze di potassio, eccessiva densità di piante, perdita di massa fogliare a causa di grandinate o attacchi di insetti sono tutti fattori che predispongono la coltura all'infezione. Gli ibridi precoci risultano tendenzialmente più sensibili rispetto agli ibridi tardivi.

Biologia

I periteci della crittogama maturano sui fusti del mais con clima caldo e umido. Le ascospore mature sono estruse dai periteci e, trasportate dalle correnti d'aria, giungono su spighe e fusti di mais, ove germinano dando inizio all'infezione dei tessuti. In condizioni climatiche calde e umide, le parti malate delle piante sono interessate dalla comparsa di un micelio bianco rosato che genera numerosi conidi. La crittogama sverna nei residui colturali e, più raramente, nel seme. Il patogeno attacca anche coltivazioni di frumento, orzo ed altri cereali.

Danni causati

Le piante precocemente colpite mostrano foglie di color verde-grigiastro opaco, internodi inferiori del fusto che rammolliscono tendendo al color castano o bruno scuro. I fusti possono presentare internamente una colorazione rosa-rossiccia in corrispondenza dei tessuti colpiti. L'evolvere dell'infezione provoca il disgregamento del midollo e la comparsa sulla superficie del fusto di piccoli periteci neri rotondeggianti. Le lesioni del fusto possono apparire zonate. Questa malattia si differenzia dal marciume da Diplodia per la colorazione rosa assunta dal midollo e per la formazione dei periteci esterni alla superficie del fusto.

Interventi agronomici

Impiegare varietà e ibridi resistenti (Si consiglia di utilizzare le cultivar inserite nelle liste varietali di raccomandazione regionale). Operare concimazioni equilibrate, evitando eccessi di azoto e apportando quantitativi di potassio adeguati a sopperire ad eventuali carenze. Adottare densità di impianto basse.

Cerca una soluzione per Fusariosi del culmo (Fusarium graminearum)


Ultimi prodotti utilizzabili per Fusariosi del culmo (Fusarium graminearum)

indipendentemente dalla coltura

Agrofarmaci

Cerca altri agrofarmaci

Relazioni delle Giornate Fitopatologiche su Fusariosi del culmo (Fusarium graminearum)

BIXAFEN : UNA NUOVA SOSTANZA ATTIVA FUNGICIDA PER IL CONTROLLODELLE MALATTIE FOGLIARI DI FRUMENTO E ORZO

2012 - Difesa da funghi, batteri, fitoplasmi, virus - volume secondo

Bixafen è un nuovo principio attivo fungicida appartenente alla classe chimica pirazolocarbossamidi scoperto e brevettato da Bayer CropScience. E’ attivo nei confronti di diverse malattie fungine delle colture agrarie ed è stato ...

DIVIDEND® 030FS: UN NUOVO CONCIANTE PER LA DIFESA DEI CEREALI A PAGLIA DAI PATOGENI FUNGINI

2010 - Difesa da funghi, batteri, fitoplasmi, virus - volume secondo

Dividend® 030FS è un prodotto fungicida di nuova introduzione in Italia costituito dalla sostanza attiva difenoconazolo. Il formulato è attivo nel controllo dei principali patogeni che attaccano il frumento e l'orzo attraverso ...

EFFICACIA DI TRATTAMENTI DI CONCIA DEL MAIS NEI CONFRONTI DIFUSARIUM VERTICILLIOIDES

2010 - Difesa da funghi, batteri, fitoplasmi, virus - volume secondo

Fusarium verticillioides (Sacc.) Nirenberg su mais è in grado di provocare marciume della spiga, della radice e del germinello, nonché di dar luogo all’accumulo di fumonisine. Trattamenti di concia al seme potrebbero ridurre ...

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2020)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.