Cilindrosporiosi Blumeriella japii (=Cylindrosporium padi)

Classificazione: Funghi > Macchie e necrosi fogliari da miceti

Fungo parassita che, negli ambienti italiani, si perpetua in forma agamica. Si sviluppa su varie specie di Prunus e si rivela particolarmente pericoloso nei confronti del ciliegio, su cui colpisce foglie e secondariamente rami e frutti. La malattia si rivela particolarmente dannosa per le piante in vivaio.

Biologia

In primavera, il fungo differenzia le tipiche fruttificazioni acervulari, con conidi ialini, cilindraceo-stretti delle dimensioni di circa 3 55 nanometri.

Danni causati

La pagina superiore delle foglie colpite presenta numerose macchioline di colore violaceo, dal diametro di pochi millimetri, cui corrispondono, sulla pagina inferiore, altrettante macchie dapprima clorotiche e successivamente rossastre.

Con decorso stagionale umido, sui tessuti colpiti compaiono piccole pustole mucillaginose, biancastre, formate dalle fruttificazioni acervulari della crittogama.

Le foglie infettate ingialliscono, si ripiegano a doccia ed infine cadono. In ragione di ciò le piante possono presentarsi defogliate già nel periodo luglio-agosto, manifestando al contempo sofferenza vegetativa che si ripercuote sullo sviluppo e sulla produttività dell'annata successiva.

Interventi agronomici

Limitare le somministrazioni di azoto. 

Contenere la vigoria vegetativa, agevolare la penetrazione della luce e la circolazione dell'aria effettuando opportune potature verdi.

Cerca una soluzione per Cilindrosporiosi


Ultimi prodotti utilizzabili per Cilindrosporiosi

indipendentemente dalla coltura

Agrofarmaci

Cerca altri agrofarmaci

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.