Carie bianca Coniothyrium diplodiella

Classificazione: Funghi > Marciumi dei frutti

L’agente patogeno di questa malattia è il fungo deuteromicete C. diploidiella. 

Biologia

Questa malattia si presenta in genere nel periodo estivo dopo grandinate o temporali; il patogeno supera l’inverno negli acini caduti a terra e nei mesi estivi vi è l’emissione dei conidi dai corpi fruttiferi (picnidi) maturi. 

Danni causati

I danni in genere sono a carico del grappolo e solo raramente avvengono su foglie e tralci. Su questi ultimi i danni possono diventare seri durante le fasi di moltiplicazione vegetativa;  se non ancora lignificati si sviluppano dei cancri che li rendono inidonei alla moltiplicazione. Gli acini infetti risultano inizialmente giallastri e successivamente violacei, perdono di turgidità e si ricoprono di corpiccioli (picnidi) brunastri che col tempo diventano bianco-grigiastri. Se il rachide viene colpito, la parte sottostante del grappolo dissecca e sui pedicelli si sviluppano piccole depressioni allungate dal color brunastro. 

Interventi agronomici

Adottare forme d’allevamento che mantengano i grappoli lontani dal suolo. 

Ultimi prodotti utilizzabili per Carie bianca

indipendentemente dalla coltura

Agrofarmaci

Cerca altri agrofarmaci

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2022)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.