Marciume radicale fibroso Armillaria mellea

Classificazione: Funghi > Marciumi e necrosi radicali

La malattia, causata dal fungo basidiomicete Armillaria (=Armillariella) mellea, colpisce numerose piante arboree ed erbacee, coltivate e spontanee, provocando l'insorgere di marciumi radicali. Molto spesso le piante attaccate da questa malattia sono già debilitate da altri fattori esterni o situate in terreni troppo compatti e tendenzialmente asfittici. 

Biologia

Il patogeno è presente nell’ambiente sotto forma di micelio, di rizomorfe (strutture del micelio fungino dalla forma di lunghi e stretti cordoni) e carpofori (corpi fruttiferi). La contaminazione avviene tramite basidiospore, micelio e rizomorfe, che possono rimanere nel suolo per lungo tempo sopravvivendo sugli organi vegetali morti. Il fungo attacca in genere il colletto o le grosse radici della pianta ed è favorito dalla presenza di lesioni o se la stessa si trova in uno stato debilitato. Le rizomorfe sono responsabili della diffusione a 'macchia d’olio', cioè da una pianta a quelle confinanti con andamento centrifugo. Spesso può comparire in zone di recente disboscamento grazie ai resti vegetali contaminati rimasti nel terreno. 

Danni causati

I sintomi sulla parte aerea sono abbastanza aspecifici in quanto le piante colpite risultano indebolite, con crescita stentata, con clorosi ed appassimento progressivo delle foglie; l’esito finale è la morte della pianta in un periodo di tempo variabile a seconda di fattori climatici e dello stato generale vegetativo della stessa. I sintomi più specifici di questa malattia sono riscontrabili sulle radici o nella parte inferiore del tronco. In queste aree è possibile osservare, al di sotto della corteccia, la presenza di feltri di colore biancastro-cremeo (costituiti dal micelio fungino) che nelle parti esterne assumono la tipica forma a ventaglio. Le radici colpite appaiono depresse ed emanano un tipico odore di fungo fresco; i tessuti infetti risultano più scuri del normale, disomogenei e che tendono a distaccarsi da quelli sani. Sulle radici si possono ritrovare le rizomorfe, inizialmente chiare per poi diventare bruno-nerastre, dall'aspetto simile a radici; queste ultime sono elementi utili per distinguere questo marciume radicale da altri (come quello da Rosellinia necatrix). Altro elemento caratterizzante è la presenza di corpi fruttiferi (carpofori) alla base del tronco di alberi morti o fortemente debilitati, specialmente nei mesi autunnali: questi gruppi di corpi fruttiferi vengono comunemente chiamati 'chiodini' o 'famigliole buone', utilizzate anche in ambito alimentare. 

Interventi agronomici

Evitare terreni pesanti e asfittici e predisponendo un corretto drenaggio dell’acqua evitando i ristagni sono pratiche utili a limitare l'insorgenza della malattia. E' raccomandato l'uso di portinnesti resistenti alla malattia, l'eliminazione delle piante gravemente colpite, la rimozione delle radici e la sostituzione del terreno contaminato. 

Cerca una soluzione per Marciume radicale fibroso


Ultimi prodotti utilizzabili per Marciume radicale fibroso

indipendentemente dalla coltura

Agrofarmaci

Cerca altri agrofarmaci

Relazioni delle Giornate Fitopatologiche su Marciume radicale fibroso

EFFETTO DELLA APPLICAZIONE DI UN FORMULATO A BASE DICLOROPICRINA IN TERRENI SOTTOPOSTI A MONOCOLTURAINTENSIVA DI MELO

2012 - Difesa da funghi, batteri, fitoplasmi, virus - volume secondo

Si riportano i dati relativi ad una attività sperimentale preliminare effettuata in Germania ed in Italia e finalizzata alla valutazione degli effetti della applicazione di cloropicrina (formulato commerciale: Tripicrin, 94% di principio ...

LA DISINFESTAZIONE DEI TERRENI NEL REIMPIANTO DEI FRUTTETI CON PROBLEMI DI STANCHEZZA DEL SUOLO E INFEZIONI DI ARMILLARIA MELLEA

2010 - Difesa da funghi, batteri, fitoplasmi, virus - volume secondo

La frutticoltura specializzata è fortemente esposta ai rischi derivati dai frequenti reimpianti; tutte le problematiche vengono racchiuse nel generico termine di “stanchezza del terreno” e, all’interno di queste, i patogeni ...

Efficacia di fumigazioni a base di cloropicrina nei confronti di Armillaria mellea

2006 - Funghi, batteri, fitoplasmi, virus. - volume secondo

In questo esperimento è stata saggiata l'efficacia di fumigazioni al terreno a base di cloropicrina nei confronti di Armillaria mellea. Dopo la fumigazione il terreno è stato trattato con il ceppoT22 di Trichoderma harzianum per ...

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2021)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.