Ofiobolosi o mal del piede Ophiobolus Graminis

Classificazione: Funghi > Marciumi e necrosi radicali

 Agente di questa malattia è O. graminis, attualmente conosciuto come Gaeumnnomyces graminis.

Biologia

 La conservazione del patogeno avviene nel terreno in forma di micelio, sui residui di colture infette o su graminacee spontanee. Al termine della stagione invernale inizia l'infezione sulle radici con l'immediata formazione di macroife scure che si sviluppano epifiticamente per poi originare delle microife ialine che, attraverso gli spazi intercellulari sottocorticali, penetrano fino al midollo centrale. Questo fungillo produce tossine in grado di alterare la funzionalità delle cellule della pianta ospite. Con elevata umidità si differenziano sulle parti attaccate anche abbondanti periteci nerastri. La patogenicità ed il decorso della malattia sono fortemente influenzati da diversi aspetti agronomici ed ambientali quali il ristoppio, la sensibilità varietale, la tipologia del terreno e l'andamento stagionale. Condizioni ottimali per l'infezione si hanno con inverni miti ed inizio d'estate fresca e piovosa. La temperatura ottimale si attesta fra i 14 e i 20°C. terreni alcalini, sabbiosi, ben areati, scarsamente fertili e poveri in azoto favoriscono lo sviluppo del patogeno. Un ruolo importante sulla diffusione della malattie è giocato anche da fattori biologici intrinsechi come l'ipovirulenza di alcuni ceppi e dalla presenza nel suolo di una microflora antagonista.

Danni causati

 Infezioni gravi ed epidemiche del patogeno si manifestano solo eccezionalmente. I sintomi caratteristici si localizzano alla base del culmo, nella zona del colletto e alle radici, con la comparsa di disseccamenti che assumono colore bruno-nerastro ed aspetto lucente. Le infezioni precoci, distribuite solitamente a chiazze, provocano disseccamenti delle piante o ridotto accestimento; gli attacchi tardivi sono caratterizzati da sviluppo vegetativo stentato con produzione di spighe biancastre, semivuote e con cariossidi striminzite.

Interventi agronomici

 Curare la profilassi adottando lunghe rotazioni e apportando congrue quantità di azoto nelle concimazioni.

Cerca una soluzione per Ofiobolosi o mal del piede


Ultimi prodotti utilizzabili per Ofiobolosi o mal del piede

indipendentemente dalla coltura

Agrofarmaci

Cerca altri agrofarmaci

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2020)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.