Marciume bruno delle nocciole Monilia fructigena

Classificazione: Funghi > Moniliosi

Patogeno che può colpire tutte le parti epigee dei fruttiferi (giovani rami, foglie, fiori e frutti), con particolare predilezione per i frutti. Presenta una scarsa specializzazione e può svilupparsi su un'ampia rosa di piante ospiti (melo, pero, cotogno, albicocco, ciliegio, ecc.).

M. fructigena differenzia la forma ascofora eccezionalmente, compiendo l'intero ciclo di sviluppo annuale in forma agamica. La fruttificazioni ascofore sono formate da apoteci appiattiti del diametro di circa 0,5 cm, che racchiudono aschi cilindrici (di circa 10 x 150 micron) con ascospore unicellulari, ialine, ellittiche (di circa 6 x 11 micron). Possono differenziarsi, eccezionalmente su vecchie mummie. 

Le fruttificazioni agamiche sono costituite da conidiofori lunghi e ramosi, che portano delle catene (semplici o ramificate) di conidi ialini, unicellulari, limoniformi, di circa 13 x 22 micron. Possono differenziarsi dall'abbondante micelio che permea i tessuti infettati ; rappresentano il solo mezzo di diffusione del patogeno.

Biologia

Trascorre l'inverno come micelio nei frutti mummificati e, in misura minore, nei cancri dei rami. A inizio primavera, differenzia abbondanti fruttificazioni conidiche che si diffondono trasportate dal vento, dalla pioggia e altri vettori, dando origine a nuovi centri di infezione.

La presenza di lesioni biotiche (da insetti, da altre crittogame, ecc.) o abiotiche (grandine, lavorazioni meccaniche, ecc.) facilitano l'inoculo del patogeno. Andamenti climatici caldo-umidi favoriscono l'insorgenza della malattia.

Danni causati

I frutti sono suscettibili all'infezione di M. fructigena durante l'intero arco del loro sviluppo. L'attacco si manifesta esternamente attraverso un'area di color bruno-schietto, rotondeggiante, dal contorno ben definito e di rapido accrescimento. Su tali macchie, dopo qualche giorno, compaiono dei cuscinetti di color nocciola, disposti in circoli concentrici, formati dalle fruttificazioni conidiche del parassita. I frutti colpiti e completamente marci, dopo qualche tempo rimpiccioliscono assumendo una consistenza legnosa, dando origine alle cosiddette mummie, che sovente restano sulla pianta fino alla primavera seguente.

I rami vengono infettati attraverso il frutto, manifestando tacche clorotiche, solitamente allungate nel senso dell'organo; in corrispondenza di tali tacche i tessuti corticali morti possono presentare profonde fenditure che scoprono il legno. La parte di ramo posta sopra alla lesione può anche disseccare completamente.

I fiori, aggrediti piuttosto raramente, sono infettati a fioritura molto avanzata. L'infezione, in ogni caso, ne cagiona l'imbrunimento ed in breve tempo il disseccamento.

Le foglie subiscono l'attacco del patogeno solo a seguito del contatto con frutto infetto.

Interventi agronomici

All'impianto scegliere appropriati sesti, tenendo conto della vigoria di ogni singolo portinnesto e di ogni singola varietà. Calibrare adeguatamente gli apporti di azoto e gli interventi irrigui in modo da evitare un'eccessivo rigoglio vegetativo. Curare il drenaggio. Le potature verdi migliorano l'arieggiamento della pianta creando condizioni meno favorevoli allo sviluppo del patogeno.

Cerca una soluzione per Marciume bruno delle nocciole


Ultimi prodotti utilizzabili per Marciume bruno delle nocciole

indipendentemente dalla coltura

Agrofarmaci

Cerca altri agrofarmaci

Relazioni delle Giornate Fitopatologiche su Marciume bruno delle nocciole

BICARBONATO DI POTASSIO (KARMA® E ARMICARB®): NUOVO FUNGICIDA PER IL CONTROLLO DI OIDIO E BOTRITE

2014 - Difesa da funghi, batteri, fitoplasmi, virus - volume secondo

Karma® 85 e Armicarb® 85 sono due nuovi fungicidi a base di bicarbonato di potassio (85%) in formulazione ottimizzata, frutto di un’intensa attività di ricerca (Cornell University, USA). I prodotti hanno un ampio spettro di ...

Selezione di microrganismi attivi contro il marciume bruno su mele

1994 - Funghi e batteri - volume terzo

Tra circa 200 microrganismi isolati dalla carposfera di mele, tre isolati batterici (ME 1, ME 13 e, in particolare, ME 134) hanno manifestato una buona efficacia contro il marciume bruno (Monilia sp.) su mele (cv Golden delicious). Tali ceppi, ...

Prove di lotta contro le infezioni estive di monilia sul pesco (Monilia Laxa (Ehrenb.) sacc. e Monilia fructigena Pers.) con nuovi fungicidi.

1978 - Anticrittogamici - volume secondo

Sono state effettuate prove sul pesco contro Monilia laxa (Ehrenb) Sacc. e Monilia fructigena Pers., allo scopo di saggiare l'efficacia di alcuni nuovi fungicidi. Sono stati eseguiti due interveni pre raccolta utilizzando Vinchlozolin, ...

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2021)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.