Monilia Monilia laxa - Monilia fructigena

Classificazione: Funghi > Moniliosi

M. fructigena e M. laxa possono colpire tutte le parti epigee dei fruttiferi (giovani rami, foglie, fiori e frutti). 

M. fructigena infetta con particolare predilezione per i frutti. Presenta una scarsa specializzazione e può svilupparsi su un'ampia rosa di piante ospiti (melo, pero, cotogno, albicocco, ciliegio, ecc.).

Differenzia la forma ascofora eccezionalmente, compiendo l'intero ciclo di sviluppo annuale in forma agamica. La fruttificazioni ascofore sono formate da apoteci appiattiti del diametro di circa 0,5 cm, che racchiudono aschi cilindrici (di circa 10 x 150 micron) con ascospore unicellulari, ialine, ellittiche (di circa 6 x 11 micron). Possono differenziarsi, eccezionalmente su vecchie mummie. 

Le fruttificazioni agamiche sono costituite da conidiofori lunghi e ramosi, che portano delle catene (semplici o ramificate) di conidi ialini, unicellulari, limoniformi, di circa 13 x 22 micron. Possono differenziarsi dall'abbondante micelio che permea i tessuti infettati ; rappresentano il solo mezzo di diffusione del patogeno.

M. laxa attacca prevalentemente i fiori e compie il suo intero ciclo annuale in forma agamica. Le fruttificazioni conidiche del patogeno sono costituite da conidiofori semplici o ramosi, che portano catene di conidi ialini, unicellulari, limoniformi, della dimensione di 11 x 15 micron (valori variabili in ragione dell'epoca di formazione). Tali fruttificazioni sono molto simili a quelle di M. fructigena, dalle quali si distinguono appena per le minori dimensioni e per la minore lunghezza dei conidi.

Biologia

M. fructigena e M. laxa superano l'inverno come micelio nei frutti mummificati e, in misura minore, nei cancri dei rami (M. laxa, nelle zone a clima particolarmente mite, sverna anche sotto forma di conidi). Ad inizio primavera, M. fructigena differenzia abbondanti fruttificazioni conidiche che si diffondono trasportate dal vento, dalla pioggia e altri vettori, dando origine a nuovi centri di infezione.

La presenza di lesioni biotiche (da insetti, da altre crittogame, ecc.) o abiotiche (grandine, lavorazioni meccaniche, ecc.) facilitano l'inoculo del patogeno. Andamenti climatici caldo-umidi favoriscono l'insorgenza della malattia.

M. laxa può differenziarsi a temperature relativamente basse (minimo 8°C con valore ottimale a 18-20°C), formando ingenti masse di inoculo all'epoca della fioritura delle piante ospiti (sembra essere questo il motivo per il quale colpisce prevalentemente i fiori). L'infezione dei fiori è agevolata dalle condizioni di umidità ritrovabili a livello della sede fiorale, dall'asenza di cuticola su stimmi e antere e dalla presenza dei fluidi stimmatici e del nettare.

Danni causati

I frutti sono suscettibili all'infezione di M. fructigena durante l'intero arco del loro sviluppo. L'attacco si manifesta esternamente attraverso un'area di color bruno-schietto, rotondeggiante, dal contorno ben definito e di rapido accrescimento. Su tali macchie, dopo qualche giorno, compaiono dei cuscinetti di color nocciola, disposti in circoli concentrici, formati dalle fruttificazioni conidiche del parassita. I frutti colpiti e completamente marci, dopo qualche tempo rimpiccioliscono assumendo una consistenza legnosa, dando origine alle cosiddette mummie, che sovente restano sulla pianta fino alla primavera seguente.

I rami vengono infettati attraverso il frutto, manifestando tacche clorotiche, solitamente allungate nel senso dell'organo; in corrispondenza di tali tacche i tessuti corticali morti possono presentare profonde fenditure che scoprono il legno. La parte di ramo posta sopra alla lesione può anche disseccare completamente.

I fiori, aggrediti piuttosto raramente, sono infettati a fioritura molto avanzata. L'infezione, in ogni caso, ne cagiona l'imbrunimento ed in breve tempo il disseccamento.

Le foglie subiscono l'attacco del patogeno solo a seguito del contatto con frutto infetto.

M. laxa attacca prevalentemente i fiori in piena antesi, cagionandone un veloce avvizzimento degli elementi del gineceo con conseguente rapido imbrunimento e disseccamento dei verticilli esterni. L'infezione, dai fiori, può trasmettersi ai rami. Su questi ultimi l'infezione si manifesta con tacche necrotiche depresse, allungate nel senso dell'organo, circoscritte o evolventisi in lesioni cancriformi. Cingendo completamente il rametto infetto, l'intera parte distale dissecca. Questo decorso è talmente rapido che le foglie dei rami colpiti non riescono a distaccarsi in tempo, andando così ad originare le formazioni cosiddette 'a bandiera'.

Interventi agronomici

All'impianto scegliere appropriati sesti, tenendo conto della vigoria di ogni singolo portinnesto e di ogni singola varietà. Calibrare adeguatamente gli apporti di azoto e gli interventi irrigui in modo da evitare un'eccessivo rigoglio vegetativo. Curare il drenaggio. Le potature verdi migliorano l'arieggiamento della pianta creando condizioni meno favorevoli allo sviluppo del patogeno.

Cerca una soluzione per Monilia


Ultimi prodotti utilizzabili per Monilia

indipendentemente dalla coltura

Agrofarmaci

Cerca altri agrofarmaci

Relazioni delle Giornate Fitopatologiche su Monilia

ACETAMIPRID, ETOFENPROX E CLORPIRIFOS-METILE: ESPERIENZE DI IMPIEGO DA SOLI E IN STRATEGIA NEL CONTROLLO DELLA CIMICE ASIATICA (HALYOMORPHA HALYS) SU DIVERSE COLTURE FRUTTICOLE

2018 - Difesa dalle avversità animali - volume primo

Epik® SL, Trebon® Up e Runner® LO, rispettivamente prodotti a base di acetamiprid, etofenprox e clorpirifos metile, sono tre insetticidi sviluppati da Sipcam Italia. Nel presente lavoro sono riportati i risultati sperimentali di alcune ...

ACIDO ACETICO COME ERBICIDA NATURALE: ALCUNE ESPERIENZE EFFETTUATE IN VIGNETI DI AGROECOSISTEMI DELLA TOSCANA

2018 - Difesa dalle piante infestanti - volume primo

La crescente esigenza di una gestione delle malerbe ”ecologicamente sostenibile” necessita di agrofarmaci di origine naturale. Con questa prospettiva e? stato testato in Toscana un erbicida naturale a base di aceto. Il prodotto ha ...

ACQUISIZIONI PRELIMINARI PER IL CONTENIMENTO DI INFESTAZIONI DI FILLOSSERA DELLA VITE CON SULFOXAFLOR (ISOCLAST) IN ABRUZZO

2018 - Difesa dalle avversità animali - volume primo

Da alcuni anni si evidenziano, in molti areali viticoli e soprattutto su alcune varieta?, preoccupanti infestazioni di fillossera della vite, Daktulosphaira vitifoliae, con evidenti difficolta? di controllo sia per la presenza di pochi prodotti ...

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2020)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.