Ruggine delle Drupacee Tranzschelia pruni-spinosae

Classificazione: Funghi > Ruggini

Ruggine che, in varie forme non perfettamente definite, attacca diverse specie di drupacee. T. pruni-spinosae var. discolor colpisce prevalente il pesco ed altri Prunus da frutto; T. pruni-spinosae var. pruni-spinosae infetta prevalentemente il susino ad altri Prunus selvatici. Gli attacchi a carico del pesco raramente assume intensità degna di nota.

I picnidi sono sottocuticolari, di forma conica, della dimensione di 200 micron. Gli ecidi, sviluppatisi su ospiti intermedi erbacei, possono misurare anche 0,5 mm e producono ecidiospore globose o elissoidali, di circa 17-22 micron. Gli uredosori raggiungono la dimensione di 0,5 mm, con uredospore di forma ovoidale o fusiforme, di circa 16 x 30 micron. Le teleutospore, bicellulari (con cellula superiore più sviluppata della sottostante), si presentano verrucose e delle dimensioni di 20 x 35 micron.

Biologia

T. pruni-spinosae è una ruggine di tipo eteroico, che trascorre cioè la prima parte del suo ciclo vitale (stadio picnidico ed ecidico) su anemone e altre essenze erbacee, compiendo poi la seconda fase (stadio uredosporico e teleutosporico) su ospiti arborei del genere Prunus. Con inverni miti la crittogama sembra in grado di svernare anche su germogli e foglie sopravviventi del genere Prunus, perpetuandosi continuamente sulla drupacea (in forma uredosporica).

Lo sviluppo della malattia è agevolato da condizioni ambientali temperate con elevata umidità. Anche le rugiade possono influenzare favorevolmente l'infezione, al pari delle pioggie.

L'entità del danno provocato dalla crittogama è direttamente proporzionale alla precocità delle infezioni. Infezioni precoci provocano infatti una limitata differenziazione delle gemme a fiore, una scarsa lignificazione dei rami dell'annata e, in generale, una debilitazione generalizzata della pianta.

Danni causati

L'attacco di questa ruggine avviene a carico delle foglie, a partire da quelle dei rami basali) e,  più raramente, anche i frutti. Le foglie infette manifestano macchioline clorotiche e, sulla pagina inferiore, pustole rosso-brunastre, polverulente, dalle quali vengono liberate uredospore e teleutospore del parassita. Le foglie più pesantemente colpite finiscono per cadere prematuramente. Generalmente, la malattia si sviluppa a fine estate-inizio autunno, cagionando una caduta delle foglie non troppo anticipata rispetto al normale ciclo vitale della pianta ospite.

Cerca una soluzione per Ruggine delle Drupacee


Ultimi prodotti utilizzabili per Ruggine delle Drupacee

indipendentemente dalla coltura

Agrofarmaci

Cerca altri agrofarmaci

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.