Cicadella della flavescenza dorata Scaphoideus titanus

Classificazione: Insetti > Cicaline

Cicadellide ampelofago (cioè che si nutre dei tessuti della vite) che compie la sua attività trofica sui polloni o nella parte più interna della vegetazione. Non è un insetto pericoloso per i danni diretti provocati, anche perché in genere è presente con popolazioni non numerose, ma è il vettore principale della Flavescenza dorata, malattia molto pericolosa causata da fitoplasmi (del gruppo del Giallume dell’olmo). Quando punge una vite infetta contrae il fitoplasma, che non è in grado di diffondere subito ma deve trascorrere circa un mese; dopo tale periodo S. titanus è in grado, per il resto della sua vita, di trasmettere la malattia. La sua presenza attualmente è concentrata in nord Italia ma l'areale è in espansione (recentemente è stato riscontrato in alcune aree della Toscana).

L’adulto è di circa 6 mm e mostra rispetto alle altre cicaline una dimensione maggiore e un colore più scuro; presenta un colore bruno con strisce e chiazze chiare, sulla punta le ali presentano zone più scure. Le forme giovanili (neanidi e ninfe) sono più piccole e chiare rispetto gli adulti, e nell’ultima parte dell’addome sono caratterizzate da due macchie nerastre contrapposte di forma romboidale. 

Biologia

Compie una generazione all’anno e sverna come allo stadio di uova, queste possono essere presenti su tralci di due anni o nelle anfrattuosità della corteccia. La comparsa delle prime forme giovanili avviene scalarmente partendo da metà maggio fino alla prima decade di luglio. Gli adulti compaiono dopo circa 50-55 giorni dalla schiusura delle uova, in un periodo che va dalla seconda decade di luglio fino a metà agosto; gli adulti vivono in genere un mese. Dopo gli accoppiamenti le femmine iniziano la deposizione delle uova svernanti, ciò avviene per circa due mesi, da fine luglio a fine settembre. 

Danni causati

Le forme giovanili si nutrono sulle foglie, su piccioli fogliari e sui tralci erbacei quando raggiungono ultimi stadi di sviluppo; i danni arrecati non sono apprezzabili, anche perché in genere vi sono popolazioni numericamente scarse all’interno dei vigneti. Come già detto la pericolosità e la dannosità di questo insetto deriva dalla trasmissione del fitoplasma della Flavescenza dorata. 

Interventi agronomici

Impiego di trappole cromotropiche gialle per il rilevamento della presenza della cicalina. Importante evitare di usare e commercializzare materiale vivaistico colonizzato dall’insetto, in quanto possono essere presenti le uova, ed eliminare i vigneti abbandonati in quanto costituiscono sorgenti d’infestazione per l’insetto e sorgenti di inoculo per la Flavescenza dorata. 

Cerca una soluzione per Cicadella della flavescenza dorata


Ultimi prodotti utilizzabili per Cicadella della flavescenza dorata

indipendentemente dalla coltura

Agrofarmaci

Cerca altri agrofarmaci

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.