Cocciniglia di San Josè Quadraspidiotus perniciosus

Classificazione: Insetti > Cocciniglie

Questa cocciniglia è estremamente pericolosa e polifaga, è stata ritrovata su circa 200 specie di piante, anche se ha una predilezione per le pomacee (melo e pero) e le drupacee (pesco, susino albicocco, mandorlo, ciliegio); altre piante di interesse agrario attaccate sono il kaki, ribes, noce, nocciolo e anche diverse latifoglie arboree e arbustive (biancospino, platano, tiglio, olmo, ecc.). I follicoli femminili sono circolari, con un diametro massimo di 1,8 mm, dalla forma di cupola schiacciata e di color grigio ardesia. Il follicolo maschile è più piccolo, 0,8 mm di diametro, di un grigio più chiaro di quello della femmina e dalla forma ovale allungata. Il maschio alato è arancione, con un solo paio di ali e in fondo all’addome vi è uno stilo appuntito; le sue dimensioni sono di 0,8 mm di lunghezza. 

Biologia

La cocciniglia sverna allo stato di neanide, molto raramente come femmina adulta. In aprile le femmine diventano adulte e vengono fecondate dai maschi, dopo 30-40 giorni compaiono le neanidi (fine maggio); queste sono mobili solo per pochissime ore (1-4) per poi fissarsi sui rami, foglie e frutti. In una giornata costruiscono un prefollicolo bianco che poi inscurisce fino a diventare grigio nel giro di una settimana. Durante la stagione si svolgono due generazioni complete più una terza generazione destinata a superare l’inverno, in genere il ciclo completo di una singola generazione dura 33-55 giorni. 

Danni causati

La cocciniglia infesta il tronco, i rami, i frutti e a volte le foglie, creando in certi casi delle vere e proprie incrostazioni. Le punture, con  la saliva iniettata, generano la comparsa di un alone rossastro, questo è più evidente sui rami se si asporta una porzione superficiale di corteccia. Sui frutti delle pomacee si concentrano in genere nella zona calicina dove si sviluppa un alone rossastro con al centro i follicoli. Sui frutti di pesco con tomentosità (peluria) le neanidi non raggiungono la maturità. I rami subiscono dei forti deperimenti che li portano a disseccare. Il danno ai frutti consiste in un forte deprezzamento e l’impossibilità ad essere esportati. 

Cerca una soluzione per Cocciniglia di San Josè


Ultimi prodotti utilizzabili per Cocciniglia di San Josè

indipendentemente dalla coltura

Agrofarmaci

Cerca altri agrofarmaci

Relazioni delle Giornate Fitopatologiche su Cocciniglia di San Josè

Utilizzo di spirodiclofen (Envidor®) per il controllo di fitofagi ad apparato boccale pungente e succhiante

2006 - Fitofagi e fitomizi - volume primo

Spirodiclofen è una nuova sostanza attiva dotata di attività  acaricida e insetticida, appartenente alla classe chimica degli acidi tetronici, per il controllo di acari tetranichidi ed eriofidi, dell psilla del pero e delle ...

Lotta biologica con Bacillus thuringiensis Berl. Var. Kurstaki contro i Tortricidi Ricamatori del pero in Emilia-Romagna nel triennio 1985-87 (nota preventiva) (*)

1988 - Lotta contro i fitofagi - volume secondo

Alcune specie di Lepidotteri Tortricidi ricamatori (Pandemis cerasana (Hb.), Archips podanus (Scop.), Argyrotaenia pulchellana (Hw.)) sono dannosi al pero in Emilia-Romagna. Gli insetticidi a largo spttro d'azione normalmente impiegati contro ...

Ulteriori risultati sperimentali con piridafention

1982 - Insetticidi Acaricidi - volume primo

In prove di campo effettuate negli anni 1978-1981 viene evidenziata l'efficacia del Piridafention (OFUNACK 40% E.C. 0.125-0.25% nei confronti di vari insetti parassiti del melo (Aphis pomi De Geer., Yzabura malifoliae Pass., Leucoptera scitella ...

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2021)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.