Antonomo del Melo Anthonomus pomorum

Classificazione: Insetti > Coleotteri curculionidi

Questo coleottero è oggi poco diffuso nei frutteti specializzati e lo si ritrova solo su piante isolate o in piccoli frutteti famigliari. I danni arrecati sono molto scarsi ma possono diventare seri in quelle situazioni dove vi è una buona presenza dell’insetto abbinata a piante con scarsa fioritura. La pianta d’elezione è il melo, ma si può trovare anche sul pero. L’adulto, di 3,5-6 mm di lunghezza, presenta il capo bruno nerastro con una pubescenza grigio cenere e nella parte posteriore del corpo (nella parte distale delle elitre) vi è una banda a forma di “V” di colore chiaro. Sul capo è presente il classico rostro presente in tanti coleotteri curculionidi. Le larve sono apode (prive di zampe), arcuate e dal colore bianco-giallastro con capo bruno, a maturità raggiungono gli 8 mm. 

Biologia

L’insetto sverna come adulto sotto i resti della vegetazione o nelle anfrattuosità della corteccia; questi fuoriescono nella prima metà di marzo e iniziano a forare le gemme rigonfie. Dopo una decina di giorni le femmine perforano i bottoni fiorali e scavano un pozzetto dentro il quale depongono un uovo; l’ovideposizione si protrae per 3-4 settimane. Dopo 4-12 giorni dalla deposizione dell’uovo nasce la larva, questa compie una serie di incisioni alla base dei petali e cementa la volta interna della corolla impedendone l’apertura. Dopo 20-30 giorni la larva raggiunge la maturità e si impupa, gli adulti compaiono dalla metà di maggio alla metà di giugno. Gli adulti si alimentano per un periodo limitato facendo delle piccole rosure sulle foglie per poi raggiungere i ripari dove trascorrono il resto dell’estate e l’inverno, per ricomparire solo la primavera successiva. 

Danni causati

Gli adulti causano il perforamento delle gemme ingrossate e delle foglie, ma il danno maggiore è quello che avviene ai bottoni fiorali a causa delle larve che divorano gli organi interni. I boccioli colpiti si riconoscono perché non schiudono e la corolla assume un colore rosso ruggine per poi disseccare, dando ai boccioli l’aspetto di chiodi di garofano. I danni non sono quasi mai rilevanti, su frutteti in zone collinari vicino a boschi vi può essere il rischio di infestazioni che comportino dei danni. 

Interventi agronomici

Scuotimento delle piante nella fase di gemme ingrossate. 

Cerca una soluzione per Antonomo del Melo


Ultimi prodotti utilizzabili per Antonomo del Melo

indipendentemente dalla coltura

Agrofarmaci

Cerca altri agrofarmaci

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.