Elateridi o Ferretti Agriotes lineatus, litigiosus, sputator, obscurus, ustulatus

Classificazione: Insetti > Coleotteri elateridi

Coleotteri polifagi della famiglia degli elateridi. A. lineatus presenta adulti di colore nero-brunastro, antenne con secondo articolo più lungo del terzo, protorace largo quanto lungo, punteggiato e di colore bruno-nerastro. Elitre leggermente allargate nella porzione superiore. Dimensioni: 7,5-10 mm di lunghezza. Le uova sono subrotondeggianti con corion liscio e biancastro, del diametro di 0,45 mm. Le larve son subcilindriche con tegumento coriaceo di colore giallo-lucente; l'ultimo segmento ha forma ogivale con due fossette a ridosso del margine anteriore. Mature, raggiungono una lunghezza di 20 mm. Gli adulti di A. litigiosus sono di colore rosso  testaceo chiaro, oppure con capo, protorace e parte inferiore del corpo di colore variabile dal bruno-rossastro a bruno-nero. Raggiunge i 9,5-13,5 mm di lunghezza. Le uova sono subrotondeggianti, con corion liscio e biancastro, delle dimensioni di 0,45-0,50 mm di diametro. Larve di forma subcilindrica con tegumento coriaceo, di colore giallo-rossiccio; ultimo segmento di forma ogivale ad apice appuntito. A maturità raggiunge i 20-22 mm di lunghezza. A. obscurus presenta adulti con corpo bruno-nero con antenne brune ferruginose; protorace più largo che lungo, convesso, con forte punteggiatura serrata. Dimensioni: 7-9 mm di lunghezza. Gli adulti di A. sputator hanno il corpo di colore bruno-rossastro con antenne dal secondo e terzo articolo subconici. Il protorace è più lungo che largo, con punteggiatura fine e spaziata, internamente ricoperta da una peluria bruno-giallastra. Le elitre sono di colore ferrugineo-rossastro con interstrie ricoperte di setole. Raggiungono i 6-7,6 mm di lunghezza. Larve subcilindriche con tegumento coriaceo, giallo-lucente; ultimo segmento di forma ogivale che porta dorsalmente due fossette. Raggiunge 22-25 mm di lunghezza a maturità. A. ustulatus presenta adulti con corpo di colore nero pece; zampe rossastre e protorace più lungo che largo, di colore nero, densamente e finemente punteggiato con peluria giallo-dorata; raggiunge la lunghezza di 9-12 mm. Uova subrotondeggianti, con corion liscio di colore biancastro, del diametro di 0,5 mm. Larve subcilindriche dal tegumento coriaceo, giallo lucente; a piena maturità raggiungono una lughezza di 22-25 mm.

Biologia

A. lineatus, litigiosus, obscurus e sputator hanno cicli biologici similari. Gli adulti compaiono in giugno-luglio, muovendosi sul terreno o tentando brevi voli, rimanendo nel raggio di poche decine di metri (per questo motivo le infestazioni hanno spesso carattere localizzato, anche nello stesso appezzamento). Trovano condizioni favorevoli con temperature fra i 17 e i 25°C, manifestando una spiccata sensibilità alle temperature elevate (per tale ragione svolgono la propria attività nelle ore notturne). Di notte compiono erosioni a carico delle foglie. Poco dopo la fuoriuscita eseguono gli accoppiamenti, quindi le femmine ricercano terreni umidi ove depongono fino a 200 uova, raggruppandole in 5-6 elementi disposti a rosario, interrandole di alcuni centimetri. Le uova sono estremamente sensibili alla siccità e muoiono in pochi minuti se esposte all'aria secca. Dopo 15 giorni di incubazione nascono le larve che iniziano l'attività trofica a spese delle radici di piante erbacee spontanee e coltivate. Compiono le mute in agosto e in ottobre, approfondendosi nel terreno anche fino a 90 cm, per ripararsi dai rigori invernali. In primavera si ripresentano in superficie, compiono una muta e proseguono l'attività trofica per poi effettuare una nuova muta in autunno. Lo sviluppo larvale richiede circa quattro anni, con due mute annuali. La maturità è raggiunta dopo 8 mute, quando le larve creano una cella terrosa ove compiono la metamorfosi. Dopo un paio di settimane, raggiunta la forma adulta, i coleotteri fuoriescono per poi accoppiarsi e deporre le uova. Gli adulti di A. ustulatus compaiono invece da giugno a settembre; entro una settimana si accoppiano e dalle uova nascono, dopo un'incubazione di 15 giorni, le larve. Con condizioni avverse (siccità e mancanza di piante ospiti) le larve raggiungono la maturità dopo tre inverni.


Danni causati

 Le larve di A. lineatus, A. litigiosus, A. obscurus, A. sputator e A. Ustulatus infestano radici e altri organi sotterranei. A carico dei cereali provocano erosioni sugli organi ipogei delle giovani piante e danneggiano l'apice vegetativo cagionando il disseccamento della foglia apicale. A seguito di ciò la pianta dissecca generando fallanze nelle coltivazioni. Sulla patata le larve forano i tuberi scavando gallerie di lunghezza variabile. L'attacco può essere interrotto dal sopraggiungere della siccità estiva, ma i tuberi restano segnati da tracce crateriformi con solchi radiali. Danni possono essere riscontrati anche sui tuberi pronti per la raccolta, sia in caso di estirpazioni tardive sia a seguito di piogge che richiamano in superficie le larve.

Interventi agronomici

 Evitare la coltura in successione a prati stabili per almeno due anni. In caso di successione a medicai rompere gli stessi nell'estate precedente in modo che la maggior parte delle larve subisca l'azione della siccità estiva; rompere il prato immediatamente prima di seminare in modo tale che gli elateridi presenti si approfondiscano temporaneamente sotto lo strato lavorato e restino inattivi sino al superamento delle prime fasi critiche della coltura. Su patata evitare irrigazioni tardive in prossimità della raccolta per limitare la risalita delle larve.

Cerca una soluzione per Elateridi o Ferretti


Ultimi prodotti utilizzabili per Elateridi o Ferretti

indipendentemente dalla coltura

Agrofarmaci

Cerca altri agrofarmaci

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2020)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.