Nottua olearia o degli orti Diataraxia (=Mamestra) oleracea

Classificazione: Insetti > Nottue

Questo lepidottero è molto polifago, predilige diverse piante ortive (insalate, cavoli, sedano, bietola da coste e da foglia, pomodoro) ma attacca anche barbabietola da zucchero, soia, tabacco, latifoglie (salice e olmo) e può risultare dannosa anche sui fruttiferi, in particolare sul melo.

Gli adulti hanno le ali anteriori btuno-rossicce con una fascia vicino al margine distale di colore bianco, questa ha due “denti” rivolti verso l’interno dell’ala che formano una sorta di W. Vicino al margine esterno dell’ala e in posizione mediana vi sono due macchie giallo ocra, una è ocellare e l’altra a forma di rene. Le ali posteriori sono madreperlacee con una sfumatura color nocciola nella parte distale. L’apertura alare è di 30-50 mm.

La larva è di colore verde con capo verde-giallognolo e una banda laterale gialla, oppure verde-brunastra o bruno-rossiccia, con capo nocciola. Sul corpo sono presenti tubercoli piliferi neri e vi sono 5 bande sfumate più scure sul dorso. Le larve raggiungono la lunghezza di 35-45 mm a maturità. 

Biologia

L’insetto compie due generazioni all’anno e sverna come larva matura. Gli adulti compaiono verso metà aprile e lo sfarfallamento continua per tutto maggio e giugno. Alcuni giorni dopo lo sfarfallamento avvengono gli accoppiamenti e le femmine depongono le uova in ammassi crostosi sulla pagina inferiore delle foglie. Dopo 5-10 giorni dalla ovodeposizione nascono le larve, inizialmente per alcuni giorni conducono vita gregaria per poi separarsi e giungere a maturità in circa un mese; le larve mature si interrano fino a una decina di centimetri e si incrisalidano. Gli adulti compaiono da fine luglio per continuare il volo per tutto agosto. Le larve della seconda generazione raggiungono la maturità nella seconda metà di ottobre e così si interrano per superare l’inverno. 

Danni causati

Le larve si nutrono durante la notte, inizialmente erodono solo la pagina inferiore per poi iniziare a divorare tutta la foglia, scheletrizzando le piante. Le larve possono compiere erosioni anche sui frutti di melo e di pesco, specialmente in frutteti inerbiti dove le larve si sviluppano sulle erbe infestanti, durante la notte si spostano sulle piante da frutto per compiere le erosioni. 

Interventi agronomici

Eliminare le erbe infestanti lungo la fila delle piante da frutto. 

Cerca una soluzione per Nottua olearia o degli orti


Ultimi prodotti utilizzabili per Nottua olearia o degli orti

indipendentemente dalla coltura

Agrofarmaci

Cerca altri agrofarmaci

Relazioni delle Giornate Fitopatologiche su Nottua olearia o degli orti

Valutazione di diversi insetticidi nei confronti delle nottue fogliari su lattuga in Emilia-Romagna

2008 - Fitofagi e fitomizi - volume primo

In tre prove di campo, condotte in Emilia-Romagna nel 2003 e nel 2006, è stata valutata l'azione di diverse sostanze attive di sintesi e di derivazione naturale nei confronti di popolazioni di nottuefogliari afferenti a diverse specie ...

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2020)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.