Tignola della Vite Eupoecilia ambiguella

Classificazione: Insetti > Tignole

Lepidottero cochilide ampelofago (che vive a spese della Vite) diffuso in Italia settentrionale ove compie due generazioni all'anno (spesso in concomitanti con quelle di Lobesia botrana). Gli adulti sono farfalle di dimensioni medio-piccole (10-15 mm di apertura alare) con ali anteriori di colore giallastro dotate di striscia trasversale bruno-nerastra, posta nella parte mediana. Le ali posteriori sono grigio-giallastre.

Le larve di prime età, inizialmente molto chiare, assumono una colorazione più intensa virando ad un tono variabile dal verdastro, al violaceo, al bruno-rossastro, per una lunghezza di 10-12 mm).

Le uova hanno forma lenticolare, leggermente ellittiche, di circa 0,6 x 0,8 mm), di colore bianco-giallastro; subito prima della schiusura compaiono numerose macchie di colore giallo-arancione.

Biologia

 Sverna come crisalide nelle anfrattuosità della corteccia della pianta e in altri rifugi presenti nel vigneto (pali di sostegno in legno, vecchi ceppi, ecc.). Gli adulti compaiono ad aprile-maggio con le femmine che ovidepongono sui grappolini fiorali, dando così origine alla prima generazione di larve antofaghe (che si cibano delle parti fioriali). tali larve si incrisalidano nel grappolino fiorale ed i successivi adulti comaiono fra giugno e luglio. Questi nuovi individui ovidepongono a loro volta sui grappolini già formati, dando inizio alla seconda generazione di larve carpofaghe. Queste larve sono caratterizzate da un ciclo di accrescimento più lento, tanto da protrarsi fino ad ottobre. Le larve di seconda generazione generano le crisalidi svernanti.

Danni causati

 L'attività trofica delle larve della prima geneazione è riconoscibile per la presenza di glomeruli nei grappoli (che difficilmente si associa a danni economici di rilievo). Le larve di seconda generazione possono arrecare danni rilevanti per la perdita in peso dei grappoli, e dal conseguente insediamneto di malattie fungine. le larve di terza generazione provocano erosioni superficiali sugli acini maturi aprendo la strada alla comparsa di patogeni fungini, all'attacco di drosofile e di vespe.

Cerca una soluzione per Tignola della Vite


Ultimi prodotti utilizzabili per Tignola della Vite

indipendentemente dalla coltura

Agrofarmaci

Cerca altri agrofarmaci

Relazioni delle Giornate Fitopatologiche su Tignola della Vite

ESPERIENZE DI GESTIONE DEL RICAMATORE ARGYROTAENIA LJUNGIANA IN VIGNETO CON IL METODO DELLA CONFUSIONE SESSUALE

2016 - Difesa dalle avversità animali - volume primo

Negli ultimi anni, nei vigneti del Trentino e specialmente in quelli lungo il fiume Adige, è stato osservato un incremento delle popolazioni di Argyrotaenia ljungiana, comunemente nota come eulia dei fruttiferi e della vite. Sono state ...

INDAGINI SULLE INFESTAZIONI DI LEPIDOTTERI FICITINI IN VIGNETI DEL VERONESE

2016 - Difesa dalle avversità animali - volume primo

Nelle più importanti aree viticole della provincia di Verona, nel corso del quinquennio 2011- 2015, sono state condotte indagini su presenza, diffusione e biologia dei lepidotteri con attitudine carpofaga. I risultati confermano la presenza ...

ATTIVITA' DI METHOXYFENOZIDE E SPINETORAM CONTRO LE TIGNOLE DELLA VITE NELL'ITALIA NORD-ORIENTALE

2014 - Difesa da insetti, acari, nematodi - volume primo

Tignola (Eupoecilia ambiguella) e tignoletta (Lobesia botrana) della vite sono lepidotteri tortricidi che causano seri danni ai vigneti in produzione, dovuti soprattutto alle generazioni carpofaghe. Nell’Italia nord-orientale vengono eseguiti ...

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2020)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.