Mosaico del Cetriolo CMV

Classificazione: Virus e virosi > Virus e virosi

Virus diffuso a livello mondiale, isometrico ed appartenente al gruppo dei cucumovirus, in grado di colpire cetriolo, zucchino, zucca, melone, cocomero, leguminose, solanacee, crucifere e composite.

Biologia

La sua  forte diffusione in natura è legata sia al notevole numero di piante ospiti sia alla possibilità di poter essere facilmente trasmesso in forma non persistente da diverse specie di afidi, come Aphis gossypii e Myzus persicae. La sua trasmissione può anche avvenire tramite succo e, ad esempio su fagiolo, tramite il seme.

Danni causati

Su cucurbitacee il virus provoca un mosaico ben evidente, associato a bollosità e spiccate malformazioni fogliari; i frutti, a loro volta, evidenziano spesso malformazioni, parziali decolorazioni e gibbosità. Le piante colpite manifestano frequentemente fenomeni di nanismo.

Particolari ceppi del virus, come il CARNA-5 (acronimo di CMV-Associated-RNA-5) possono colpire anche il pomodoro, cagionando necrosi estese a carico di steli, foglie e bacche. 

Le piante colpite presentano taglia ridotta, vegetazione stentata ed aspetto cespuglioso.Le foglie nascono in soprannumero. con margini arricciati e rivolti verso l'alto oppure con lamina molto ridotta (filimorfismo). Di conseguenza anche i frutti hanno pezzatura molto ridotta, raggiungendo la maturazione con difficoltà (le perdite produttive si attestano, mediamente, attorno al 30%).

Altro sintomo dell'infezione è rappresentato dal nanismo apicale: le piante assumono una conformazione cespugliosa molto spinta, a causa di un accentuato accorciamento degli internodi apicali. Si hanno foglie di dimensioni ridotte, interessate da ballosità e distorsioni dei tessuti internervali. Il solo primo palco riesce a maturare completamente. Le perdite di produzione risultano in questo caso particolarmente pesanti, specialmente i serra.

Anche se le piante non manifestano sintomi evidenti, i frutti possono comunque presentare imbrunimento interni a livello dell'attaccatura del pedicello. Dette aree imbrunite successivamente danno luogo a marciumi che decrementano il valore commerciale della bacca. L'alterazione solitamente è localizzata al primo palco di frutti, con quelli successivi che non sono in alcun modo toccati dal virus. In questo caso le perdite di produzione possono posizionarsi fra il 30 e il 60%.

La 'necrosi letale' rappresenta l'estremo livello di gravità di CMV, con la comparsa, sulla vegetazione più giovane, di piccole aree clorotiche, localizzate fra le nervature secondarie delle fogliole, che possono apparire da subito necrotiche ed imbrunite. Successivamente, anche le chiazze clorotiche citate in precedenza necrotizzano, le fogliole si arrotolano nella direzione della pagina inferiore; su piccioli e fusti compaiono striature necrotiche. La malattia, favorita nel suo decorso da temperature elevate, prosegue la sua diffusione verso la parte bassa delle piante, portando queste ultime alla morte entro 2 o 3 settimane dalla comparsa dei primi sintomi.

Se presenti, i frutti presentano maculature anulari, butterature, aspetto deformato e necrosi di varia ampiezza. La perdita di produzione può raggiungere anche il 100%.

Interventi agronomici

Ricorrere alle varietà resistenti presenti sul mercato. Impiegare esclusivamente materiale di propagazione sano e certificato ai sensi della normativa fitosanitaria vigente. Eliminare le piante ammalate e i residui infetti. Proteggere le aperture delle serre con reti antinsetto. Eliminare la flora spontanea presente sulle superfici aziendali improduttive.

Il controllo in campo di tali virosi deve essere diretto ai loro vettori, quindi risulta utile il ricorso a: frangivento, siepi, reti antiafidiche e pacciamatura.

Cerca una soluzione per Mosaico del Cetriolo


Relazioni delle Giornate Fitopatologiche su Mosaico del Cetriolo

Impiego della pacciamatura con film plastici fotoselettivi per il contenimento delle infezioni virali e della radice suberosa del pomodoro causata da Pyrenochaeta lycopersici

2008 - Funghi, batteri, fitoplasmi, virus - volume secondo

Nel presente lavoro vengono riportati i risultati ottenuti da una sperimentazione biennale mediante l'impiego di film UV-riflettenti e non riflettenti per il contenimento delle popolazioni di insetti ettori di virus, nonchà© il loro ...

Risultati di controlli fitosanitari eseguiti dal 2001 al 2007 su piantine ortive in vivai pugliesi

2008 - Funghi, batteri, fitoplasmi, virus - volume secondo

Il Centro di Ricerca e Sperimentazione in Agricoltura "Basile Caramia" ha un laboratorio fitopatologico accreditato ai sensi del D.M. del 14/04/1997. Nel periodo 2001-2007, ha eseguito controlli fitosnitari su 19.592 campioni di piante ...

Infezioni da virus in piante officinali. VI, contributo indagine in Trentino

2004 - Funghi, batteri, fitoplasmi, virus. - volume secondo

E' stata eseguita un'indagine epidemiologica al fine di individuare le infezioni virali pi๠frequenti su piante officinali coltivate in Trentino. Le specie esaminate facevano parte dei campi sperimenali dell'ISAFA (Istituto ...

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2020)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.