2011
15

Fitoregolatori regolati

Con l’iscrizione in Allegato I dell’acido naftalenacetico e della sua amide, L. Gobbi si assicura in qualità di azienda notificante una posizione forte nel segmento dei fitoregolatori

l-gobbi-logo.jpg

Nella vita l’impegno non sempre paga. Altre volte invece investire nel presente pone le basi per consolidarsi nel futuro. Questo è quanto successo in L. Gobbi, azienda leader nel settore fitoiatrico con un ricco catalogo di prodotti speciali, tra i quali da sempre spiccano i fitoregolatori. La L. Gobbi è stata azienda notificante a livello europeo ove sin dall’inizio ha difeso tra gli altri anche due importanti e noti fitoregolatori come l’acido naftalenacetico (1-NAA) e la sua amide (1-NAD).
Il processo registrativo europeo si è positivamente concluso e nell’agosto 2011 ha condotto all’autorizzazione di tali principi attivi a livello continentale iscrivendoli nell’Allegato I della Direttiva 91/414.
Essendo la L. Gobbi titolare del dossier registrativo, le registrazioni di tutti i suoi formulati basati su questi principi attivi verranno quindi riconfermate e potranno essere presenti sul mercato in un’ottica di lungo periodo. Ciò mette la società ligure in una posizione di vantaggio sul mercato, dal momento che altre registrazioni basate su tali principi attivi dovranno, pena la decadenza della registrazione, presentare entro la fine del 2011 un dossier che dimostri la conformità alle prescrizioni dell’allegato II della Direttiva 91/414.

 

In questo articolo

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.