2019
24

Fungicida. Biologico. Efficace

Prevenire e curare le malattie fungine è una sfida che accomuna tutti gli agricoltori: ecco come vincerla con una nuova soluzione a marchio Biolchim

t34-biocontrol-fonte-biolchim.png

T34 è consentito in agricoltura biologica

Patologie fungine: i danni

In agricoltura non è possibile raggiungere gli obiettivi di produzione e qualità con un apparato radicale malato e inefficiente. Quando la radice si ammala, la pianta viene privata della principale via di nutrimento e idratazione, determinando un immediato impoverimento delle caratteristiche organolettiche del raccolto e una maggior sensibilità alle condizioni ambientali sfavorevoli.

Ad un iniziale avvizzimento di alcune porzioni della pianta, seguirà inevitabilmente la morte dei tessuti, con gravi ripercussioni economiche per l'agricoltore.


Come prevenire e curare le malattie fungine

Per proteggere la radice dagli attacchi fungini, curarla e mantenerla efficiente, oggi c'è una nuova soluzione che coniuga affidabilità e sostenibilità. T34 Biocontrol® è il nuovo fungicida biologico a base diconidi del fungo Trichoderma asperellum, ceppo T34. Unico per efficacia e aggressività verso i patogeni, T34 è in grado di colonizzare velocemente la rizosfera, prevenire l'insediamento dei funghi nocivi e bloccarne lo sviluppo, promuovendo al contempo la crescita della pianta.
 
T34 Biocontrol

Composizione

Composizione


Scelto dai professionisti del settore

Il 9 luglio, a Vittoria (Rg), Biolchim ha organizzato un seminario tecnico specifico sulla tematica, a cui hanno preso parte alcuni tra i principali produttori e tecnici dell'orticoltura siciliana. 

Franco Vitali, responsabile tecnico Biolchim, ha presentato le caratteristiche e gli effetti di T34 Biocontrol®, catturando l'interesse di tutti i partecipanti. Ecco i vantaggi più apprezzati dagli agricoltori, che fanno di T34 la soluzione perfetta per la lotta sostenibile alle malattie fungine.
  • alta efficacia preventiva e curativa;
  • azione biostimolante;
  • elevata concentrazione (1x109di UFC per grammo) e basso dosaggio;
  • ammesso in agricoltura biologica;
  • zero residui e nessun tempo di carenza.

Seminario tecnico a Vittoria (Rg)


Meccanismo d'azione

Una volta insediato nel substrato, T34 Biocontrol® contrasta i patogeni con un duplice meccanismo d'azione. Esso inoltre interagisce con la pianta, promuovendone la crescita. 
  • azione preventiva: T34 sottrae i nutrienti necessari ai processi di crescita e diffusione dei patogeni (competizione) ed induce la pianta ad innalzare le proprie difese naturali (induzione di resistenza).
  • azione curativa: T34 sintetizza enzimi che degradano la parete cellulare dei funghi dannosi, vi penetra all'interno e assorbe sostanze nutritive (parassitismo); produce inoltre molecole tossiche che bloccano il metabolismo del patogeno e lo conducono alla morte (antibiosi).
  • effetto secondario di crescita: T34 aumenta la biodisponibilità di nutrienti e la stimolazione della crescita radicale.

Piante più sane 


Quando e come impiegarlo

T34 Biocontrol® è registrato per l'impiego contro Pythium aphanidermatum su solanacee (pomodoro, peperone, melanzana) e cucurbitacee (cetriolo, zucchino, zucca, melone, cocomero) e contro Fusarium oxysporum su garofano. Ecco come applicarlo.
Tabella impieghi
*miscelare 10 g di prodotto in 100 litri di acqua e bagnare 1 m3 di substrato.

Contatta l'ufficio agronomico Biolchim per definire la strategia migliore per il tuo impianto.

In questo articolo

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.