2020
27

Ue, nuova classificazione per sette sostanze attive

Pubblicato il 14° adeguamento al progresso tecnico del regolamento Clp sulla classificazione, l'etichettatura e l'imballaggio delle sostanze e delle miscele pericolose

echa-agenzia-europea-sostanze-chimiche-2017-bandiera-fonte-echa-foto-by-lauri-rotko-copyright-european-chemicals-agency-2013.jpg

L'Echa è l'Agenzia europea delle sostanze chimiche

Fonte immagine: © Lauri Rotko - European chemicals Agency, 2013

Il regolamento delegato 2020/217 della commissione aggiorna al progresso tecnico il regolamento 1272/2008, meglio noto come Clp, pubblicando la nuova classificazione di 29 sostanze pericolose, tra cui 7 principi attivi di interesse fitoiatrico. Vediamo quali.
 

Metaldeide

La classificazione del celebre lumachicida è stata discussa dal Rac (Risk assessment committee) nel 2017. Lo Stato relatore Austria ha proposto di classificare la sostanza con la frase H301 (tossico se ingerito, prima era nocivo) e la H373 (Può provocare danni agli organi in caso di esposizione prolungata o ripetuta), mantenendo la frase di infiammabilità H228 (Solido infiammabile). Il dibattito in seno all’Echa ha invece portato a classificare la sostanza come tossica per la riproduzione di categoria 2 (frase H361f - Sospettato di nuocere alla fertilità o al feto) e di attribuire anche la frase ambientale H412 (nocivo per gli organismi acquatici), accettando la tossicità acuta e l’infiammabilità.
 

Piridate

All’erbicida piridate l’Austria aveva proposto di aggiungere la frase H370 (Provoca danni agli organi) ma il comitato Rac ha preferito la sola aggiunta della più rassicurante frase H302 (Nocivo per ingestione).
 

Cyflumetofen

L’entrata dell’acaricida nel mondo delle sostanze pericolose è stata agevolata dallo Stato relatore Olanda, che ha proposto la sensibilizzazione pelle (frase H317) e il cancerogeno di categoria 2 (frase H351), entrambi accettate dal comitato Rac.
 

Fludioxonil

Solo classificazione ambientale per il fungicida fludioxonil, anche in questo caso la proposta della Danimarca (frasi H400 e H410: tossicità acuta e cronica per gli acquatici) è stata accettata dal Rac senza alcuna modifica.
 

Halosulfuron-methyl

Come per quasi tutti gli erbicidi riso, anche per questa solfonilurea la valutazione è stata affidata all’Italia, che aveva proposto la sola classificazione ambientale (Tossicità acuta e cronica per gli acquatici). Il Rac invece ha stravolto la proposta iniziale, aggiungendo anche il rischio riproduttivo di categoria 1B (frase H360D - Può nuocere alla fertilità o al feto).
 

Mandestrobin

Questa volta l’Austria, relatore del fungicida mandestrobin, non è stata corretta dal Rac: la classificazione ambientale proposta (frasi H400 e H410: tossicità acuta e cronica per gli acquatici) non è stata modificata.
 

Carbossina

Il conciante sementi carbossina è stato uno degli ultimi principi attivi valutato dal Regno Unito, che ha proposto la classificazione ambientale, la sensibilizzazione cutanea e frase H373 (Può provocare danni agli organi in caso di esposizione prolungata o ripetuta), accettate dal comitato.

La nuova classificazione di queste sostanze entrerà in vigore il 1° ottobre 2021 (il provvedimento in alcune lingue riportava la data del 9 settembre, ma la commissione ha prontamente pubblicato un corrigendum) ma i titolari potranno anticipare l’adeguamento per non trovarsi a dover rietichettare il prodotto dopo la scadenza.
 

Approfondimenti per studiosi, addetti ai lavori o semplicemente curiosi



L'articolo è stato modificato dopo la pubblicazione.

In questo articolo

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2020)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.