2021
31

Sicilia, il ToBRFV colpisce pomodori e peperoni

Si tratta del Tomato brown rugose fruit virus, già segnalato nel 2018 a Ragusa. E mentre gli orticoltori della zona orientale dell'isola contano danni oltre il 30%, la Regione Siciliana si appresta a varare misure compensative in favore delle aziende

tobrfv-pomodoro-virus-by-menzel-et-al-regione-lazio-crea-jpg.jpg

Pomodori con primi sintomi di ToBRFV con clorosi sulle bacche e rugosità lungo i peduncoli

Fonte immagine: Menzel et al. 2017 in Regione Lazio e Crea

Il ToBRFV, la virosi delle solanacee del genere Tobamovirus, sta colpendo la fascia Sud-Est della Sicilia da Catania a Siracusa, fin giù a Ragusa lungo la costa ed a Caltanissetta nell'interno. Il Tomato brown rugose fruit virus colpisce in coltivazione esclusivamente pomodori e peperoni, specie in serra, ed era stata già identificata per la prima volta in Israele nel 2014 e poi in Giordania nel 2015. In Sicilia ToBRFV era stata segnalata una prima volta - proprio nel ragusano - già nel 2018, mentre una seconda segnalazione, questa volta per l'Italia continentale, è quella del 2019 in provincia di Cuneo.
Leggi anche
Un nuovo virus minaccia il pomodoro

I danni che stanno emergendo in Sicilia da alcune settimana nelle imprese agricole dell'area colpita, purtroppo - seppur da prime indicazioni - sarebbero già oltre il 30% e consistono in una clorosi che poi evolve in profonde rughe marroni con placche necrotiche che devastano e rendono non commerciabili le bacche; danni ingenti vengono riportati anche dalle piantine specie nell'apparato fogliare. Al punto che la Regione Siciliana si appresta ad adottare misure economiche compensative in favore degli orticoltori danneggiati.

Secondo una nota illustrativa a cura del Servio fitosanitario della Regione Campania "ToBRFV si diffonde essenzialmente per contatto (utensili contaminati, mani, vestiario, da pianta a pianta, materiale di propagazione) e, similmente ad altri tobamovirus del pomodoro, la trasmissione alle plantule tramite seme contaminato è fortemente sospetta, sebbene non sia stata ancora chiaramente dimostrata".

Benché non considerato organismo da quarantena, la Commissione europea ha approvato il Regolamento di esecuzione (Ue) 2020/1191 dell'11 agosto 2020 che istituisce misure per impedire l'introduzione e la diffusione nell'Unione europea del virus ToBRFV.

Secondo Gianni Polizzi, direttore del Distretto ortofrutticolo del Sud-Est Sicilia, forte di oltre cento produttori "urgono incentivi utili al ripristino delle coltivazioni danneggiate dal virus, alla distruzione delle piante infette, allo smaltimento del materiale di risulta degli impianti danneggiati, nonché al reimpianto delle produzioni".

Polizzi inoltre sottolinea: "Sarebbero risorse compensative per i produttori costretti a subire cospicui danni economici ed a vedere intaccato il proprio livello di competitività. Suggeriamo di valutare misure specifiche di sostegno economico, alla stregua degli aiuti a supporto della filiera degli agrumi colpita dal Tristeza virus".

La Regione Siciliana, per mano dell'assessore all'Agricoltura Toni Scilla, ha convocato un tavolo tecnico per affrontare la questione, riunitosi l'11 marzo scorso coinvolgendo le organizzazioni di categoria: e sembra andare proprio in questa direzione.

"Salutiamo positivamente l'attivazione del tavolo da parte dell'assessorato alle Risorse agricole e forestali della Regione Siciliana su un'emergenza che sta mettendo in serie difficoltà i nostri imprenditori agricoli" dichiara il presidente di Confagricoltura Ragusa, Antonino Pirrè.

"Apprendiamo da Domenico Carta, dirigente del Servizio fitosanitario della Regione Siciliana, che l'assessore sta valutando la possibilità di attivazione di un regime di aiuti, per operare il ristoro dei danni subiti dai produttori siciliani e l'imminente adozione di un decreto regionale per il contrasto al virus, al fine di assicurare alle categorie coinvolte (produttori, commercianti e vivaisti) maggiore chiarezza e trasparenza, in ordine alle prescrizioni imposte dalla normativa comunitaria in vigore".

"Chiediamo che le procedure per l'individuazione delle misure di sostegno economico alle imprese colpite
- conclude Pirrè - siano celeri e che le modalità di erogazione dei fondi siano snelle e tempestive".
 
Leggi anche
ToBRFV, individuati e distrutti pomodori affetti dal virus in Toscana

In questo articolo

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2021)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.