2022
27

Difesa dalla botrite? Ci pensano Kenja® e Vintec® di Belchim Italia

La botrite non farà più paura; i segreti di Belchim Italia sono Kenja® e Vintec®

vite-vigneto-viticoltura-by-riebevonsehl-adobe-stock-750x497.jpeg

Kenja® e Vintec®: l'aiuto contro la botrite della vite

Fonte immagine: © riebevonsehl - Adobe Stock

Kenja®, a base di isofetamide in concentrazione 400 g/L e formulazione SC, è il prodotto su misura per una corretta gestione della botrite su vite da vino e su uva da tavola; proprio su quest'ultima è diventato ormai un must per i produttori che vogliono proporre un prodotto d'eccellenza. 


Kenja® è translaminare e attivo contro tutte le fasi di sviluppo del fungo Botrytis cinerea, il suo principio attivo è caratterizzato da un legame flessibile che gli permette anche il controllo dei ceppi di botrite risultati resistenti o meno sensibili ad altri principi attivi.


Kenja® deve essere applicato su vite alla dose di 1,5 L/ha ed è utilizzabile a partire dalla fioritura, è selettivo nei confronti di insetti utili e impollinatori.
Kenja® non interferisce sulla fermentazione e sulle caratteristiche dei vini, inoltre possiede Import Tolerance per i principali paesi importatori di vino italiano.
Da ricordare che l'attività anti botritica di Kenja® è apprezzabile anche su fragola in pieno campo alla dose di 1,2 L/ha, mentre su albicocco e ciliegio Kenja® è impiegato per il controllo di Monilinia Spp. alla dose di 0,8 L/ha in pre fioritura.


Vintec®, l'altro prodotto Belchim Italia dedicato alla difesa contro la botrite su vite, ma con un profilo tutto bio è a base di Trichoderma atroviride ceppo SC1, attualmente l'unico Trichoderma isolato da legno.


Vintec® è altamente concentrato (1x1013 Cfu/Kg) e attivo verso Botrytis cinerea, è impiegabile nei programmi di lotta biologica, ma anche all'interno di una strategia di lotta integrata, ottima infatti risulta la combinazione di Kenja® e Vintec®.


Vintec® agisce sia per competizione di spazio e nutrienti, che attraverso la produzione di enzimi litici, esercita una vera e propria azione di antibiosi; non di meno è l'attività di micoparassitismo che Trichoderma atroviride ceppo SC1 riesce ad esercitare nei confronti della botrite.
La dose di utilizzo su vite contro Botrytis cinerea è di 200g/ha ed è impiegabile fino a 4 volte durante il ciclo colturale, dalla piena fioritura in avanti; tempo di carenza zero. Quasi scontato sottolineare l'ottimo profilo ecotossicologico del prodotto.

 

Una nota importante da ricordare è che Vintec® è autorizzato anche per il controllo del mal dell'esca e sempre contro botrite su pomodoro in serra; in questo caso applicabile fino a 8 volte alla dose di 5-10 g/hl.

 

Visita il sito di Belchim

In questo articolo

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2022)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.