2022
23

Vite, un solo dispenser per la confusione sessuale di tignoletta e cocciniglia

Abbiamo intervistato Renato Ricciardi, dell'Università di Pisa, che ha condotto la sperimentazione del nuovo dispositivo per il controllo simultaneo di tutti e 2 i fitofagi

dispenser-tignoletta-cocciniglia-vite-by-edith-ladurner-jpg.jpg

Il dispenser a 2 serbatoi applicato ad una vite

Fonte immagine: Edith Ladurner - CBC Biogard

Una nuova e più pratica modalità di gestione si prospetta per il controllo della tignoletta, Lobesia botrana, e della cocciniglia farinosa della vite, Planococcus ficus.

 

Un nuovo dispenser di feromoni potrà infatti essere sufficiente per la confusione sessuale di tutti e 2 questi fitofagi ampiamente diffusi nei vigneti italiani e non solo.

 

A renderlo noto sono i ricercatori della sezione di entomologia del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Agroambientari dell'Università di Pisa, che hanno recentemente pubblicato i risultati del loro lavoro di sperimentazione sulla rivista scientifica Entomologia Generalis (Ricciardi et al., 2022).

 

Per farci spiegare meglio cosa è e come funziona questo nuovo dispositivo abbiamo intervistato Renato Ricciardi che ha condotto la sperimentazione.

 

Dottor Ricciardi, cosa è questo nuovo dispenser e come si presenta?

"Si tratta di un dispenser a doppio serbatoio. È costituito da 2 tubi capillari paralleli, uno riempito con il feromone sessuale sintetico della Lobesia botrana ((E,Z)-7, 9-dodecadienyl acetate) e l'altro con il feromone sessuale sintetico del Planococcus ficus ((S)-(+) lavandulyl senecioate), saldati alle 2 estremità".

 

ricciardi-renato-by-ricciardi-unipi-490-jpg.jpg

Renato Ricciardi dell'Università di Pisa

 

Dove è stato provato e quali sono stati i risultati?

"L'efficacia di questo prodotto è stata valutata in diversi contesti vitivinicoli italiani da Nord a Sud. Nello specifico, nel 2017 è stato testato in Sicilia (Acate) e in Toscana (Castiglione della Pescaia) mentre nel 2018 è stato testato in Sicilia (Ragusa), Toscana (Bolgheri) e Veneto (Colognola ai Colli). I risultati si sono dimostrati molto soddisfacenti in tutti i siti di studio dato che, nei vigneti sottoposti a confusione sessuale impiegando questo doppio dispenser, i danni imputabili a Lobesia botrana e Planococcus ficus sono stati ridotti in maniera significativa, al di sotto della soglia di danno economico".

 

Rispetto ai dispenser attualmente in uso, quale è il vantaggio che può offrire questo nuovo dispositivo?

"La disponibilità sul mercato di un erogatore a doppio uso rappresenterebbe un grande vantaggio quando questi 2 fitofagi chiave come Lobesia botrana e Planococcus ficus colpiscono una coltura nello stesso periodo di tempo in un determinato agroecosistema. Infatti, se consideriamo che l'applicazione, in 2 momenti diversi, di 2 diversi dispenser, uno per la confusione sessuale di Lobesia botrana e uno per la confusione sessuale di Planococcus ficus,  sarebbe molto dispendiosa in termini di manodopera , l'impiego di un unico dispenser ridurrebbe i tempi  e costi di applicazione".


È già disponibile per l'uso in campo? O quanto bisognerà aspettare?

"Al momento il prodotto non è ancora disponibile sul mercato, ma si auspica in una sua disponibilità nel breve periodo per andare incontro alle esigenze di tutte quelle aziende che ogni anno si trovano a confrontarsi con le problematiche derivanti dalla presenza di questi 2 insetti temibili per il vigneto".

In questo articolo

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2022)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.