Carciofo Cynara cardunculus scolymus L.

Classificazione: Ortaggi > Ortaggi a stelo
carciofo

Il carciofo (Cynara cardunculus L. subsp. scolymus (L.) Hegi) è una pianta orticola ed erbacea appartenente alla famiglia delle Asteraceae, adatta per uso alimentare e medicinale. Il frutto è un achenio (spesso chiamato erroneamente seme) allungato e di sezione quadrangolare, provvisto di pappo. Il colore varia dal marrone, più o meno scuro, al grigio con marmorizzazioni brune. Oltre al consumo fresco, il carciofo viene utilizzato dall'industria conserviera. E’ ricco di ferro, fibra, vitamine, sali minerali ed aminoacidi, ma anche di sostanze fenoliche che presentano proprietà benefiche per l'organismo. Ha inoltre una forte capacità antiossidante. In farmacia ed erboristeria il carciofo è utilizzato come coleretico, epatoprotettivo e diuretico. Il carciofo deve la sua azione coleretica principalmente alla presenza di cinarina, sostanza amara ed aromatica che stimola la secrezione della bile. Notevole è il sottoprodotto di foglie della carciofaia, che costituisce un ottimo alimento fresco per gli animali. Anche i residui della lavorazione industriale dei capolini hanno un impiego zootecnico, o vengono essiccati per preparare una farina di carciofo. Le varietà di carciofo sono classificate secondo diversi criteri: in base alla presenza e allo sviluppo delle spine (spinose e inermi), in base al colore del capolino (violette e verdi), in base al comportamento nel ciclo fenologico (autunnali o rifiorenti e primaverili o unifere). Fra le varietà più famose si annoverano il Brindisino, il Paestum, Spinoso sardo, il Catanese, il Verde di Palermo, la Mammola verde, il Romanesco, il Mazzaferrata di Cupello, il Violetto di Toscana, il Precoce di Chioggia, il Violetto di Provenza, il Violetto di Niscemi, Spinoso di Sicilia.

Cerca una soluzione per Carciofo

Ultimi prodotti utilizzabili su Carciofo

Agrofarmaci

Cerca altri agrofarmaci

Ultime relazioni delle Giornate Fitopatologiche

ATTIVITÀ ANTIMICROBICA IN VITRO DI TIOFANATE METILE, FLUTOLANIL E CEPPI DI STREPTOMYCES SPP. VERSO FUNGHI PATOGENI TERRICOLI

2014 - Difesa da funghi, batteri, fitoplasmi, virus - volume secondo

Lo spettro di attività antimicrobica in vitro di tiofanate metile, flutolanil, Streptomyces lydicus ceppo WYEC 108 e Streptomyces sp. ceppo AtB-42 è stato valutato nei confronti di otto funghi fitopatogeni terricoli: Pythium sp., Fusarium solani, ...

CARATTERIZZAZIONE DELL’EFFICACIA DI INSETTICIDI VERSO DROSOPHILA SUZUKII SU MIRTILLO

2014 - Difesa da insetti, acari, nematodi - volume primo

Allo scopo di valutare le sostanze attive più efficaci nel controllo di Drosophila suzukii e di individuarne le modalità di azione, sono stati effettuate nel 2012 indagini di campo, semicampo e laboratorio. Le sperimentazioni, condotte su mirtillo, ...

CYANTRANILIPROLE (CYAZYPYRTM, BENEVIATM E VERIMARKTM): APPLICAZIONI FOGLIARI E RADICALI SU CUCURBITACEE PER IL CONTROLLO DI APHIS GOSSYPII

2014 - Difesa da insetti, acari, nematodi - volume primo

BeneviaTM e VerimarkTM sono due formulazioni specifiche per le ortive a base di cyantraniliprole (CyazypyrTM), un nuovo insetticida cross-spectrum appartenente alla famiglia chimica delle antranilammidi, frutto della ricerca DuPont. Cyazypyr ...

Ultime news su Carciofo

Ultima discussione sul forum

ariditità del suolo e carenza idrica

Sono alla ricerca di un'economica sonda tensiometrica onde potere razionalmente irrigare le piante del mio frutteto e carciofi con il sistema a goccia, utilizzando bottiglie di plastica da lt 2.

Rispondi
Altre discussioni recenti
La borlanda sui carciofi 2 risposte

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.