Giornate Fitopatologiche 1973

Influenza della temperatura sulla persistenza di alcuni fungicidi

Capitolo “Anticrittogamici ” - volume unico - pag. 441-446

Autori: P.P. Flori, G. Svampa, C. Vismara

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Accedi con Google

In caso di utilizzo del social login, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

Gli AA. riferiscono su risultati conseguiti in prove, sia di laboratorio che di serra, sulla degradazione di vari fungicidi esposti alle temperature di 14 e 28 °C. Tali risultati riconfermano l'imporante ruolo determinato sulla persistenza dei fungicidi da tale fattore climatico.
Il Benomyl, il Metiltiofanate ed il Captafol degradano maggiormente se esposti alla temperatura pi๠bassa, per contro, lo ziram, lo zolfo e, per un certo intervallo di tempo, il quinometionato risentono in misura maggiore la esposizione alla temperatura di 28 °C. Gli altri fitofarmaci saggiati non hanno evidenziato differenze sostanziali, nel loro andamento, con le due temperature.

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.