Giornate Fitopatologiche 1978

Catania - Acireale 8-10 marzo 1978

L'impiego di prodotti a base di bromophenoxim per la lotta alle dicotiledoni resistenti all'atrazina nelle coltivazioni di mais.

Capitolo “Erbicidi” - volume terzo - pag. 149-156

Autori: S. Della Piet , G.A. Filippi, G. Saporiti

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi con Google


Sei un nuovo visitatore?

Registrati gratis

Vengono riferiti i risultati di una sperimentazione parcellare eseguita su ecotipi di infestanti dicotiledoni annuali resistenti all'atrazina.
Furono effettuate quattro prove (2 nel 1976, 2 nel 177) contro Solanum nigrum nel pordenonese e una prova nel 1977 contro Amaranthus (popolazione mista di Amaranthus hibridus f. paniculatus e Amaranthus retroflexus, con prevalenza del primo) nel bresciano.
Il Faneron® a base di Bromophenoxim, impiegato in post-emergenza, ottenne un controllo completo delle infestanti summenzionate, dimostrando miglior efficacia e selettività  dei prodotti di riferimento a base di 2,4D o MCPA; furono necessari 0,75 kg/ha di sostanza attiva contro Solanum e 1 kg/ha di sostanza attiva contro Amaranthus.
Il prodotto è poco tossico, non presenta rischi per le colture vicine e si degrada molto rapidamente nel terreno.

In questa relazione

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2020)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.