Giornate Fitopatologiche 1986

Riva del Garda 24-27 marzo 1986

Analisi dei residui rameici e valutazioni agronomiche su pomodoro da industria a seguito di trattamenti cuprici

Capitolo “Residui e aspetti indesiderabili dei fitofarmaci ” - volume terzo - pag. 351-362

Autori: M. Dadomo, V. Testi, A. Zanotti

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Accedi con Google

In caso di utilizzo del social login, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

Sono stati valutati gli effetti di diversi fungicidi cuprici su alcuni aspetti qualitativi ed agronomici di due cv. di pomodoro da industria (Canaria e Potomac). Il grado di contaminazione risulta netamente superiore nella cv. a bacche piccole (Potomac). Se il lavaggio del pomodoro è effettuato correttamente, i valori di residui di rame nei derivati addebitabili ai trattamenti anticrittogamici sono sicuramente insignificanti. L'aumento del grado di contaminazione nel concentrato suggerisce una valutazione approfondita dei materiali adottati nel processo di trasformazione. I risultati agronomici evidenziano una minore produttività  nelle parcelle trattate con prodotti cuprici imputabile a probabili effetti di fitotossicità . Il rame non ha influito sulla resistenza delle bacche alla sovrammaturazione.

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.