Giornate Fitopatologiche 1986

Riva del Garda 24-27 marzo 1986

Aspetti dell'impiego del Benalaxil nel suolo contro microrganismi fungini terricoli. II - Studio della persistenza d'attività .

Capitolo “Lotta contro funghi e batteri” - volume secondo - pag. 429-436

Autori: P. Flori, G. Malucelli, D. Pancaldi, P. Tentoni

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Continua con Facebook Accedi con Google

In caso di utilizzo dell'autenticazione Faceboook o Google, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

alla luce delle indicazioni emerse in prove precedenti sull'adsorbimeto e rilascio del benalaxyl nel terreno, si è studiata la persistenza d'attività  del fungicida in un suolo sabbioso.limoso. Le prve biologiche, condotte con Pythium Ultimum Trow., hanno evidenziato come ad u giorno dal trattamento il fungicida protegga in modo incompleto le piante daglisabbia attacchi del fungo (grado di protezione del 77-79%) riducendo progressivamente la sua azione nel tempo.
L'azione del fitofarmaco risulta pi๠elevata nella miscela terreno/sabbia (Tab.2) dove ad un giorno dal trattamento si riscontra un grado d'azione del 90-91% rispetto ad un 77-79% manifestato sul terreno tal quale. la perdita di efficacia nel tempo avviene in questo caso molto pi๠lentamente e con livelli di protezione pi๠elevati che non nel terreno originale.
b) Traslocazione delle piante.
Le prove condotte sul terreno non mostrano alcuna traslocazione del benalaxyl nelle piante (tab.3), o per lo meno non in quantità  apprezzabile; analogo esito offre il riscontro effettuato alla concentrazione di 0,5 µg/ml sulla coltura allevata in soluzione acquosa. Questo controllo, che conferma gli esiti delle prove di traslocazione dal suolo, si giustifica con il fatto che nella ripartizione del terreno (Flori et al. 1986) solo 0,42 ppmn di benalaxyl sono presenti nella soluzione circolante e quindi disponibili per la pianta.
Diverso risulta il comportamento del fungicida ad una ipotetica concentrazione della soluzione circolante di 2 µg/ml (Tab. 3); si osserva in questo caso un rapido accumulo del principio attivo nelle radici e nel colletto delle piante, mentre su fusto e foglie la translocazione è pi๠lenta nel tempo ed a livelli quantitativamente inferiori(Fig.1).

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.