Giornate Fitopatologiche 1990

Pisa 23-27 aprile 1990

Attività  in vitro e in serra di sostanze naturali contro patogeni fungini

Capitolo “Lotta contro funghi e batteri” - volume secondo - pag. 325-334

Autori: A. Brunelli , S. Di Marco, L. Satanassi

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Continua con Facebook Accedi con Google

In caso di utilizzo dell'autenticazione Faceboook o Google, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

Mediante saggi in vitro e in serra è stata valutata l'attività  di alcuni prodotti di origine naturale nei confronti di diversi patogeni fungini. L'olio essenziale di timo ha esercitato una buona azine inibitrice sia in vitro (verso Pythium ultimum, Sclerotinia minor, Stemphylium vesicarium, Botrytis cinerea, Cercospora beticola e Fusicoccum amygdali) sia su pianta (contro Sphaerotheca fuliginea) e analoga efficacia è stata evidenziata dal timolo e dal silicato di sodio su S. fuliginea. Il composto minerale Like ha manifestato una discreta azione fungistatica in vitro contro i suddetti patogeni (escluso S. vesicarium) ma non su pianta contro S. fuliginea. I composti a base di propoli ed equiseto ed il Permanganato di potassio hanno complessivamente evidenziato una attività  antifungina insufficiente.

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.