Giornate Fitopatologiche 1990

Pisa 23-27 aprile 1990

DPX-E9636 - Nuovo graminicida di post-emergenza del mais ad ampio spettro e ridotta persistenza.

Capitolo “Erbicidi” - volume primo - pag. 125-132

Autori: A. Bassi, A. Bencivelli, G.P Fabiani, C. Gamberini , W. Massasso, M.C. Salomone, V. Turchiarelli

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi con Google


Sei un nuovo visitatore?

Registrati gratis

DPX-E9636 è una nuova solfonilurea per il controllo selettivo, in post-emergenza del mais, della maggior parte delle graminacee annuali e perenni e di alcune importanti dicotiledoni.
Nel biennio1988-89 è stato possibile accertare l'ottima attività  erbicida del prodotto a dosi comprese fra 10-15 g p.a/ha + bagnante, su infestanti quali Digitaria sanguinalis, Echinochloa tenuifolia, Galinsoga parviflora, Mentha arvensis, Picris echiodes e l'elevata selettività  sul mais. Nei terreni torbosi e su infestanti a nascita scalare o con disponibilità  di riserve si è prospettata interessante la tecnica del trattamento frazionato.
DPX-E9636 è inoltre caratterizzato da un favorevole profilo tossicologico, da una rapida degradazione nel terreno e nel comparto acquoso e dalla maggioranza di rischi di percolazione e di bioaccumolo.

In questa relazione

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2020)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.