Giornate Fitopatologiche 1990

Pisa 23-27 aprile 1990

Interventi di lotta contro la mosca delle olive (dacus olae Gmel.) A dosi diverse di insetticidi

Capitolo “Lotta contro i fitofagi” - volume primo - pag.

Autori: A. Guario, F. La Notte, G. Laccone , S. Merlino , O. Murolo , S. Vitucci

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi utilizzando un tuo account social

Continua con Facebook Accedi con Google

In caso di utilizzo dell'autenticazione Faceboook o Google, Image Line riceverà dal social network solo i dati necessari alla registrazione


Sei un nuovo visitatore?

Registrati ora

In Puglia, su olive cv.coratina, negli anni 1998 e 1989, sono state condotte prove di lotta contro il Dacus oleae Gmel. allo scopo di verificare la possibilità  di impiegare i vari dachicidi, di uso p๠comune, a dosi ridotte (g20-30-40/hl di p.a.) rispetto a quelle di uso normale (g 60/hl dip.a.) Fra i prodotti saggiati, soltanto dimethoate ha espresso efficacia accettabile alla dose dimezzata di g 30/hl, mentre fenthion, formothion, Phospamidon, Deltamethrin+dimetoatee trichlorfon hanno evidenziato incostanza di efficacia alle dosi pi๠ridotte di 20 g e 30/hl di p.a.. La dose di g 40/hl di p.a., sembrerebbe la pi๠consigliabile per tutti i principi attivi saggiati.

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.