Giornate Fitopatologiche 1990

Pisa 23-27 aprile 1990

Valutazione del comportamento ambientale di erbicidi impiegati per il diserbo del mais - I Contributo

Capitolo “Residui di Fitofarmaci” - volume secondo - pag. 397-406

Autori: P. Flori, P. Musacci, A. Ponti Sgarbi, P. Tentoni

Accedi o registrati per scaricare la relazione in PDF

Inserisci i tuoi dati per accedere

Non ricordi la password?

Accedi con Google


Sei un nuovo visitatore?

Registrati gratis

Si è studiato il comportamento nel terreno degli erbicidi atrazina, cyanazina, alachlor, metolachlor e pendimethalin, utilizzati, nell'ambito di un Progetto di Ricerca Regionale, per lo studio di appicazioni alternative all'impiego dell'atrazina nel diserbo del mais. La ricerca ha interessato l'esame della loro persistenza e mobilità  in 3 diversi suoli tipici della regione (sabbioso, argilloso, organico), valutando in ciascuno di essi la persistenza e mobilità  dei principi attivi nei profili agrari 0-20 e 20-40 cm.
Si è evidenziata la persistenza di metolachlor su tutti i terreni, con una marcata mobilità  su quello sabbioso. Atrazina e cyanazina si distribuiscono uniformemente nel profilo 0-40 cm, mentre alachlor risulta poco persistente su terreno sabbioso e argilloso, ma persistente e mobile su suolo organico. Pendimethalin infine è poco persistente e localizzato nel profilo 0-20 cm.

In questa relazione

Stai cercando una relazione in particolare?

Con la ricerca avanzata puoi filtrare per titolo, anno, autore e coltura.

Vai alla ricerca avanzata

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

I nostri Partner

I partner sono mostrati in funzione del numero di prodotti visualizzati su Fitogest nella settimana precedente

Fitogest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2020)

Utilizzare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto. Si raccomanda di porre la dovuta attenzione alle frasi ed ai simboli di pericolo che compaiono nell'etichetta ministeriale.